L’OMS perché ha impiegato tanto tempo per dichiarare il coronavirus una pandemia?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) l’11 marzo 2020 ha dichiarato che la diffusione del coronavirus COVID-19 è diventata una pandemia dopo che la malattia è stata rilevata per la prima volta in Cina a dicembre e si è rapidamente diffusa in oltre 100 località in tutto il mondo.
Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive, ha detto:
«La pandemia è una malattia epidemica di una nuova malattia grave che richiede una “trasmissione sostenuta in tutto il mondo”. La parola “pandemia” nella mente di molti, è strettamente connessa alla pandemia di influenza del 1918 che ha ucciso decine di milioni di persone. La pandemia per definizione, non richiede quella scala di distruzione, in realtà, è un termine vagamente definito».
Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, ha detto:
«Ottantuno paesi non hanno segnalato alcun caso di coronavirus Covid-19; cinquantasette paesi hanno riportato 10 casi o meno. Non possiamo dirlo abbastanza forte, o abbastanza chiaramente, o abbastanza spesso: tutti i paesi possono ancora cambiare il corso di questa pandemia».

Ecco cosa devi sapere sul perché la diffusione del coronavirus COVID-19 è stata dichiarata una pandemia.

Perché c’è voluto tanto tempo per definire il coronavirus pandemia?
L’OMS ha citato l’inazione come uno dei motivi principali per fare la dichiarazione in questo momento, in una dichiarazione attribuita a Tedros Adhanom Ghebreyesus, si legge:
«L’OMS ha valutato questo focolaio 24 ore su 24, siamo profondamente preoccupati sia dai livelli di diffusione e gravità, sia dai livelli incredibili di inazione. Abbiamo quindi valutato il coronavirus Covid-19 caratterizzato come una pandemia».
L’Organizzazione Mondiale della Sanità in precedenza aveva definito una pandemia come “la diffusione mondiale di una nuova malattia”, tuttavia non esiste una definizione rigorosa della gravità della malattia, e le pandemie precedenti hanno tassi di mortalità variabili.
William Schaffner, specialista in malattie infettive della Vanderbilt University, ha detto:
«La malattia che si sta diffondendo in tutto il mondo, potrebbe non essere così insolita come sembra. I progressi della tecnologia hanno reso più facile rilevare e rintracciare nuove malattie. È possibile che in precedenza alcune malattie abbiano fatto il giro del mondo senza essere individuate».

La pandemia è diversa da un’epidemia?
Sì. L’epidemia mentre descrive una malattia che colpisce una regione definita, una pandemia ha un impatto globale. Anthony Fauci, lo scorso febbraio ha spiegato perché il coronavirus non aveva ancora raggiunto la definizione di pandemia:
«La diffusione del virus in altri paesi a quel tempo non era stata ancora sostenuta per un periodo rilevante. E poiché molti dei casi al di fuori della Cina erano legati ai viaggi, l’impatto globale del virus non era ancora considerato diffuso. Tale situazione si è evoluta nelle ultime settimane».
I Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC) ha affermato che in questo periodo negli Stati Uniti, i casi di coronavirus Covid-19 includono persone che si sono recate in una regione colpita, hanno avuto stretti contatti di un caso noto e infezioni acquisite nella comunità con una fonte sconosciuta.

Dovresti preoccuparti della pandemia di coronavirus Covid-19?
Segui le tipiche precauzioni della stagione influenzale, e per il coronavirus Covid-19 le Regole per una corretta prevenzione; se sei malato e vuoi prepararti per una possibile quarantena, considera questa lista della spesa per due settimane.
Ricorda che non hai bisogno di una mascherina salvo che tu non abbia il coronavirus Covid-19 e mostri sintomi. L’acquisto di mascherine sottrae strumenti preziosi  utili agli operatori sanitari che ne hanno più bisogno.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →