Scandalo di Cambridge Analytica: verifica su Facebook quali app ha i tuoi dati

Facebook sulla scia dello scandalo di Cambridge Analytica, per la pubblicità mirata si è trovato sotto tiro per aver permesso a un’applicazione di terze parti gestita da un famigerato gruppo politico di raccogliere i dettagli di 50 milioni di utenti.
Facebook mentre le rivelazioni esplosive guidate da Whistle Whistle continua a venire alla luce, si è trovato a discutere la semantica di ciò che costituisce una “violazione dei dati”. Ora per i milioni di utenti i cui dettagli dell’account sono stati abusati senza consenso, potrebbe essere utile controllare le loro impostazioni dell’app.
Il processo è semplice, sei sul tuo cellulare? In tal caso, nell’app Facebook tocca la barra dei menu (ovvero l’icona composta di tre linee orizzontali), quindi Impostazioni> Impostazioni account> App> Connesso con Facebook.
Se sei sul tuo computer, fai clic sulla freccia del menu a discesa nell’angolo in alto a destra, quindi su Impostazioni> App.
Ciò aprirà una griglia d’icone di app e siti cui hai concesso il permesso, sarai in grado di selezionare e modificare ogni app che ha il permesso di utilizzare le tue informazioni.
Facebook nelle FAQ afferma:
«Quando blocchi o rimuovi un’app o un gioco dal Centro app o dalle impostazioni dell’app, non saranno più in grado di accedere a qualsiasi informazione su di te».
Il problema per molti utenti sarà che il social network è sempre più utilizzato per accedere ad applicazioni di terze parti. Ora, le piattaforme con Facebook integrato consentono agli utenti di accedervi con tali credenziali anziché con una combinazione di email / password.
Gli utenti potrebbero ancora non rendersi conto della reale portata dei dati in gioco. Le app secondo Facebook, utilizzano le tue informazioni personali per personalizzare i contenuti, velocizzare i processi di creazione dell’account e contribuire a condividere il servizio con gli amici:
«Quando installi un’applicazione, gli concedi il permesso di accedere al tuo profilo pubblico, include il tuo nome, le immagini del profilo, il nome utente, l’ID utente (numero dell’account), le reti e qualsiasi informazione tu scelga di rendere pubblicamente disponibile. Inoltre fornisci all’app altre informazioni per personalizzare la tua esperienza, tra cui elenco di amici, sesso, fascia di età e la lingua».
Il caso di Cambridge Analytica mostra che gli sviluppatori di applicazioni non sempre hanno motivazioni valide per archiviare grandi quantità di dati. Vale la pena sapere chi ha accesso a informazioni su di te, i tuoi contatti e come sono utilizzati, in realtà sembra che sia piuttosto difficile scoprirlo – sembrerebbe che nemmeno Facebook lo sappia.
Il commissario per le informazioni e la protezione dei dati della Gran Bretagna ha detto che ha richiesto un mandato per accedere ai server della società di analisi politica Cambridge Analytica, presumibilmente ha usato i dati estratti da Facebook per aiutare Donald Trump a vincere le elezioni presidenziali del 2016.
The Guardian riporta che 50 milioni di profili di Facebook sono stati ottenuti da Aleksandra Kogan, accademica con sede nel Regno Unito, utilizzando un’app ha raccolto i dati e le informazioni di persone – e dei loro amici – pagati per sostenere un test della personalità.
Lo stesso articolo ha detto che Aleksandra Kogan aveva un accordo per condividere i dati con la Cambridge Analytica. L’informatore Chris Wylie ha detto che l’azienda l’ha poi utilizzato per creare un software che alla fine ha influenzato il modo in cui le persone hanno votato.
Facebook ha dichiarato che i dati sono stati utilizzati in modo improprio ma non sono stati rubati, perché gli utenti hanno accordato il permesso. Il gigante dei social media ad ogni modo, non è soddisfatto, in attesa di altre informazioni ha sospeso gli account di Chris Wylie, Cambridge Analytica e Aleksandra Kogan.

La posizione di Facebook
Facebook sostiene che Cambridge Analytica che ha lavorato alla campagna elettorale di Donald Trump per il 2016 ha sviluppato un’applicazione per i test di personalità già nel 2014, in grado di raccogliere i dati degli utenti a loro insaputa. Sostiene che Aleksandra Kogan, ha violato le sue politiche di piattaforma utilizzando le informazioni personali:
«Gli utenti hanno dato il loro consenso affinché Aleksandra Kogan accedesse a informazioni come la città che avevano impostato sul loro profilo, o ai contenuti che gli erano piaciuti, oltre a informazioni più limitate sugli amici che avevano le loro impostazioni sulla privacy per consentirle».
Cambridge Analytica, con sede a Londra, ha negato qualsiasi illecito.
Rachel Neaman, CEO di Corsham Institute, un gruppo per i diritti digitali ha detto:
«Mentre i siti di social media continuano a raccogliere ampie informazioni sugli atteggiamenti e il comportamento dei loro utenti, cresce la preoccupazione del pubblico sullo sfruttamento di queste informazioni. Se il problema è la legittima pubblicità o notizie false, è giunto il momento che il pubblico sia informato su come sono è preso di mira e da chi».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento