Studentessa di 14 anni premiata per la scoperta che potrebbe portare a una cura per il Covid-19

Sfida per giovani scienziati
La 3M Young Scientist Challenge è la principale competizione scientifica americana per alunni della scuola elementare (5° grado, età 10-11 anni) fino alla scuola media (8° grado, età 10-14 anni). Il concorso unico nel suo genere suscita un senso di meraviglia e scoperta in centinaia di migliaia di studenti negli Stati Uniti, migliorando la scienza, l’innovazione e la comunicazione.
Young Scientist Challenge nel 1999 quando fu lanciato per la prima volta da Discovery Communications aveva la stessa missione che ha oggi: promuovere una nuova generazione di scienziati americani in un’età in cui generalmente l’interesse per la scienza diminuisce. Discovery Education nel 2008 ha unito le forze con 3M, uno degli innovatori più importanti al mondo, per coltivare la prossima generazione di risolutori di problemi e offrire agli studenti l’opportunità unica di lavorare direttamente con gli scienziati 3M.

Invenzione vincente in silicio
Anika Chebrolu, una quattordicenne di Frisco, in Texas, ha appena vinto la 3M Young Scientist Challenge 2020 e un premio di 25.000 dollari per una scoperta che potrebbe fornire una potenziale terapia al coronavirus Covid-19. L’invenzione vincente di Anika Chebrolu utilizza la metodologia in silico (in letteratura scientifica, è usata per indicare fenomeni di natura chimica biologica riprodotti in una simulazione matematica al computer, invece che in provetta o in un essere vivente), per scoprire una molecola di piombo che può legarsi selettivamente alla proteina spike del nuovo coronavirus SARS-CoV-2 associato alla malattia pandemica del coronavirus Covid-19.
Anika Chebrolu intervistata dalla CNN ha detto:
«Negli ultimi due giorni, ho visto che c’è molto clamore mediatico sul mio progetto, poiché riguarda il virus SARS-CoV-2 e riflette le nostre speranze collettive di porre fine a questa pandemia, come tutti gli altri, desidero che si torni presto alle nostre vite normali».
Il coronavirus Covid-19 ha ucciso più di 1,1 milioni di persone in tutto il mondo da quando la Cina lo scorso dicembre ha segnalato il suo primo caso all’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Gli Stati Uniti hanno più di 219.000 morti, secondo i dati dello Johns Hopkins University Center for Systems Science and Engineering.
Anika Chebrolu che è di origine indiano-americana, ha presentato il suo progetto quando frequentava l’ultimo anno della scuola media, non sempre era concentrata sulla ricerca di una cura per il coronavirus Covid-19. Inizialmente, il suo obiettivo era quello di utilizzare metodi in silico per identificare un composto di piombo che potesse legarsi a una proteina del virus dell’influenza. Ha detto:
«Dopo aver passato così tanto tempo a fare ricerche sulle pandemie, sui virus e sulla scoperta di farmaci, era pazzesco pensare che stessi davvero vivendo una cosa del genere. Vista l’immensa gravità della pandemia di coronavirus Covid-19 e il drastico impatto che ha avuto sul mondo in così poco tempo, con l’aiuto del mio insegnante, ho cambiato obiettivo per mirare al virus SARS-CoV-2».
Anika Chebrolu ha detto di essere stata ispirata a trovare potenziali cure ai virus dopo aver saputo della pandemia influenzale del 1918 e aver scoperto quante persone muoiono ogni anno negli Stati Uniti nonostante le vaccinazioni annuali e i farmaci antinfluenzali in commercio.
Cindy Moss, un giudice della 3M Young Scientist Challenge, ha detto:
«Anika Chebrolu ha una mente curiosa, ha usato la sua curiosità per fare domande per studiare un vaccino per il coronavirus Covid-19. Il suo lavoro è stato completo, ha esaminato numerosi database. Ha anche sviluppato una comprensione del processo di innovazione ed è un’esperta comunicatrice. La sua volontà di usare il suo tempo e il suo talento per contribuire a rendere il mondo un posto migliore ci dà molta speranza».

Giovane promettente scienziata
Anika Chebrolu ha detto che vincere il premio e il titolo di giovane, promettente scienziata è un onore, ma il suo lavoro non è finito. Il suo prossimo obiettivo, è quello di lavorare al fianco di scienziati e ricercatori che stanno lottando per “controllare la morbilità e la mortalità” della pandemia, spera di sviluppare le sue scoperte in una vera e propria cura per il coronavirus Covid-19. In conclusione ha detto:
«Il mio impegno di trovare un composto di piombo che si leghi alla proteina di picco del virus SARS-CoV-2 potrebbe sembrare una goccia nell’oceano, ma si aggiunge a molteplici ricerche. Il modo in cui svilupperò ulteriormente questa molecola con l’aiuto di virologi e specialisti della produzione di farmaci determinerà il successo del mio impegno».

Ragazza normale
Anika Chebrolu naturalmente a 14 anni trova anche il tempo di essere una ragazza normale, quando non è in un laboratorio o non lavora per raggiungere il suo obiettivo di diventare medico o ricercatore, si dedica alla danza classica indiana chiamata Bharatanatyam, che pratica da otto anni (vedi foto).
Il Bharatanatyam una secolare danza classica indiana, affonda le sue radici nei templi indù del Tamil Nadu, nel sud-est dell’India. Eseguita tradizionalmente da una singola danzatrice, la forma di danza secolare enfatizza fortemente i gesti espressivi e la narrazione religiosa. Lo stile teatrale richiede precisione, espressione e impegno di ogni muscolo.
Dakshina Vaidyanathan, danzatrice e insegnante del Bharatanatyam, spiega:
«Tutte le forme di danza classica indiana sono contraddistinte dall’arte dell’espressione (abhinaya è l’arte espressiva dell’estetica indiana. Più precisamente significa “guidare un pubblico verso” l’esperienza di un sentimento), quando cerchiamo di esprimere qualcosa, ogni parte del corpo la recita. Il tuo corpo deve parlare».
Oggi il Bharatanatyam gode di uno status internazionale che lo eleva a una delle più iconiche arti dello spettacolo dell’India, è tra le danze classiche indiane, la più conosciuta in Occidente.

,

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →