Scienziati ucraini premiati per aver creato un sacchetto di plastica ecologico e commestibile, si decompone rapidamente, non inquina l’ambiente

Il dottor Dmytro Bidyuk e colleghi nel loro laboratorio presso la National Agrarian University di Sumy, nel nord-est dell’Ucraina hanno creato il materiale ricavato dalla combinazione di proteine naturali e amidi. Hanno modellato bicchieri, tazze, cannucce e sacchetti con amido derivato da alghe rosse. Solitamente questi sono prodotti usa e getta sono realizzati con la plastica, impiegano centinaia di anni per decomporsi.
Il dottor Dmytro Bidyuk ha detto:
«Il vantaggio principale è che la tazza si decompone completamente in 21 giorni; il sacchetto si disintegra nella terra in poco più di una settimana. Le tazze possono essere congelate o utilizzate per cuocere i cupcake; la peculiarità è che tutti questi prodotti sono commestibili».

Ci sono stati esempi di sacchetti prodotti in India e a Bali che possono essere trasformati in foraggio per animali; un’azienda britannica sta sviluppando sacchetti commestibili per contenere l’acqua, ma secondo il dottor Dmytro Bidyuk:
«L’innovazione ucraina è “al dente, un po’ come le tagliatelle”. I marchi e la colorazione sono derivati da coloranti alimentari naturali, le cannucce possono essere aromatizzate in modo che si può gustare un succo di frutta mangiando la cannuccia».
Gli attivisti ambientali ucraini sono entusiasti della prospettiva di sostituire la plastica usa e getta con varianti di questo materiale, soprattutto perché le sue proprietà fertilizzanti potrebbero vedere le discariche piantate con le conifere. Esortano il governo a investire.
Il dottor Dmytro Bidyuk e il suo team del laboratorio del National Agrarian University di Sumy nel frattempo ha vinto il Sustainability Award alla University Startup World Cup di Copenhagen. E’ in contatto con partner stranieri per finanziare ulteriori ricerche.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →