Scienziati cinesi hanno sviluppato carta da parati ignifuga e antincendio (Video)

Scienziati cinesi hanno sviluppato una carta da parati resistente al fuoco, non solo è in grado di resistere alle fiamme, rileva anche gli incendi e attiva un allarme.
La carta da parati è stata progettata da scienziati del Shanghai Institute of Ceramics of the Chinese Academy of Sciences. Oggi la maggior parte della carta da parati sul mercato è costituita da materiali altamente infiammabili come fibre vegetali di cellulosa o polimeri sintetici, possono diffondere il fuoco piuttosto che prevenirlo.
Il nuovo materiale per carta da parati può resistere a temperature elevate di 1.000 °C, è composto da nanofilo e idrossiapatite e un sensore di temperatura composto da ossido di grafene. Il sensore è fissato sul retro della carta da parati attraverso un semplice processo di fusione a goccia utilizzando un inchiostro contenente ossido di grafene, viene quindi collegato al filo metallico come elettrodo.

L’ossido di grafene a temperatura ambiente non è elettricamente conduttivo, può diventarlo a temperature elevate, attivando il dispositivo di allarme antincendio. Lo carta da parati è altamente flessibile, può essere modellata in varie forme, tinta in diversi colori, prodotta con stampanti commerciali.
La ricerca è stata pubblicata sulla rivista ACS Nano lo scorso marzo. Zhu Yingjie, capo del team di ricercatori, ha detto:
«Sebbene la carta da parati sia ancora nella fase iniziale della ricerca, il nostro team sta esplorando la tecnologia di produzione di massa a basso costo. Stiamo anche studiando ulteriori applicazioni della nuova carta inorganica resistente al fuoco, potrebbe essere utilizzata in altri campi come la conservazione di importanti documenti cartacei, separatori di batterie, cavi a fibra ottica ignifughi, carta catalitica ed elettronica flessibile».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento