Pillola anti-invecchiamento potrebbe permettere a tutti di vivere oltre 120 anni

Juan Ponce de León esploratore spagnolo si recò in America alla ricerca della Fonte della Giovinezza, se oggi fosse ancora vivo, avrebbe potuto semplicemente visitare il suo farmacista perché il potenziale farmaco anti-invecchiamento chiamato metformina – come riporta Express – già disponibile in commercio per il trattamento del diabete di tipo 2, presto sarà utilizzato per iniziare studi clinici per vedere se può anche estendere la durata della vita umana.
I primi test su alcuni animali, come ad esempio uno studio degli effetti del farmaco su vermi, suggeriscono che gli esseri umani se gli effetti si dimostreranno essere simili, potranno vivere in modo sano fino a 120 anni. La metformina potrebbe essere letteralmente un farmaco miracoloso, la “Fonte della Giovinezza” in forma di pillola. Supponendo il successo dei test, potrebbe cambiare la medicina come è accaduto con la scoperta degli antibiotici.
L’ottimismo è alto perché la metformina è disponibile in commercio per il trattamento del diabete, sono già disponibili diversi estesi studi sui suoi effetti. L’anno scorso uno studio di più di 180.000 persone ha dimostrato che quelli in trattamento per il diabete con metformina hanno vissuto più a lungo di un campione di controllo sano. Vale la pena ribadirlo: i pazienti in trattamento per il diabete hanno vissuto più a lungo rispetto alle persone sane.
Altre ricerche hanno dimostrato che la metformina potrebbe anche contribuire a trattare direttamente le condizioni come l’Alzheimer, le malattie cardiache e anche il cancro.
Gordon Lithgow del Buck Institute for Research on Aging in California ha detto:
«Ho fatto per venticinque anni ricerca sull’invecchiamento, sarebbe stata idea inconcepibile parlare di un farmaco anti-invecchiamento per una sperimentazione clinica sull’uomo, ora ci sono tutte le ragioni per credere che sia possibile».
La sperimentazione clinica è chiamata “Targeting Aging with Metformin (TAME)”, sarà condotto da US Food and Drug Administration. Il team di studiosi è alla ricerca di 3.000 persone età settanta, ottanta anni che hanno o sono a rischio di soffrire di malattie gravi. Il processo dovrebbe durare da 5 a 7 anni.
Il farmaco è già in uso da oltre 60 anni per i pazienti affetti da diabete, così gli scienziati hanno una buona idea di come esattamente funziona. Ad esempio, la metformina è conosciuta per ossigenare meglio le nostre cellule, è facile immaginare il loro effetto positivo sul corpo.
Stuart Jay Olshansky, uno dei ricercatori coinvolti nel progetto ha detto:
«Riusciamo a ridurre il rischio di malattie cardiache, qualcuno vive abbastanza a lungo da avere il cancro. Se vogliamo ridurre il rischio di cancro, qualcuno vive abbastanza a lungo da ottenere il morbo di Alzheimer. Stiamo suggerendo che è arrivato il momento di attaccarli tutti andando oltre il processo biologico d’invecchiamento.
Se tutto andrà bene, presto i settanta anni potrebbero scendere ai cinquantanni. L’età di cento anni sarà più simile agli ottanta anni, e così via. Meglio ancora, saremo in grado di invecchiare in modo sano, privo di molte delle malattie debilitanti che in età avanzata rendono indesiderabile la vita. Non sarà una pillola dell’immortalità, ma potrebbe essere la cosa più vicina».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento