Ecco perché è una cattiva idea battere il record di liberare in cielo 1,5 milioni di palloncini (video)

Gli organizzatori di United Way of Cleveland (associazione senza scopo di lucro, in giro per gli Stati Uniti organizza iniziative di vario genere a sostegno delle comunità in difficoltà), nel 1986, pensavano di aver trovato l’idea perfetta per generare un po’ di pubblicità per l’associazione con un bellissimo spettacolo chiamato Balloonfest ’86 con l’intento di battere il record mondiale con il lancio simultaneo di 1,5 milioni palloncini nel centro della città di Clevand, in Ohio.

Migliaia di volontari sotto a una gigantesca rete lavorarono molte ore per riempire i palloncini con elio (vedi foto 1), il 27 settembre 1986 migliaia di persone si raccolse nella piazza per osservare il momento in cui sarebbe stata sganciata la rete per battere il record con i palloncini liberati in cielo (vedi foto 2).
L’enorme nube di palloncini sbocciò sulla città, quasi come un’esplosione di colore (vedi foto 3).
Doveva essere una trionfale trovata pubblicitaria, sfortunatamente andò terribilmente storta: quel giorno una tempesta in movimento dai Grandi Laghi, e il vento in qualche modo bloccò la salita dei palloncini sospingendoli verso il basso sopra la città (vedi foto 4). Il cielo era pieno di una nube impenetrabile di palloncini (vedi foto 5).

Tragica morte di due persone
Tragicamente, quel giorno due pescatori caddero in acqua dalla loro barca capovolta, sospinti dalle onde annegarono, purtroppo gli elicotteri della Guardia Costiera impossibilitati a volare senza rischi nei cieli pieni di 1,5 milioni di palloncini, non riuscirono a raggiungerli in tempo. L’equipaggio dell’elicottero dichiarò di sentirsi come se stessero volando attraverso gli asteroidi, poi, quando finalmente riuscirono ad atterrare vicino al luogo dell’incidente (vedi foto 6), nel cercare le teste delle persone in acqua, trovarono difficoltà a individuarle tra migliaia di palloncini che ricoprivano la superficie dell’acqua (vedi foto 7).
L’intero evento prevedeva una raccolta di fondi per beneficenza, il risultato per la città terminò in modo non previsto con due morti, ingenti spese in cause legali e un devastante impatto sull’ambiente con molte settimane di pulizia per rimuovere centinaia di migliaia di palloncini sgonfi sparsi su buona parte del territorio.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento