Nuovo strumento aiuta a controllare in quali paesi transita il traffico internet degli utenti

La nuova ricerca dell’Università di Princeton evidenzia che Internet offre alle persone di tutto il mondo, l’accesso alle applicazioni e ai servizi, ma in molti casi, il traffico internet è instradato attraverso alcuni paesi dominanti.
I funzionari governativi di diversi paesi a seguito delle rivelazioni del 2013 di Edward Snowden sui programmi di sorveglianza di massa del governo degli Stati Uniti, hanno espresso il desiderio di ridurre la loro dipendenza dalle infrastrutture di comunicazione degli Stati Uniti.
Il Brasile ha compiuto notevoli passi avanti verso questo obiettivo con il nuovo collegamento EllaLink tra America Latina e Portogallo, per raggiungere l’Europa e il Medio Oriente senza transitare dagli Stati Uniti. Ha sviluppato anche un ampio ecosistema di nodi di scambio per aiutare le reti nazionali a connettersi meglio.
Nick Feamster e Anne Edmundson dell’Università di Princeton esperti informatici, responsabili dello studio, con i loro colleghi hanno esaminato i modi in cui le informazioni online sono instradate oltre i confini nazionali. La ricerca rappresenta un primo esame dell’efficacia di queste misure.
Lo studio ha evidenziato che nonostante gli sforzi del Brasile, gran parte del suo traffico Internet continua a essere instradato negli Stati Uniti. I ricercatori hanno detto che una spiegazione può essere collegata alle preoccupazioni commerciali delle società brasiliane, impedisce ai fornitori di servizi Internet di utilizzare solo i collegamenti internet brasiliani.
I ricercatori analizzando il traffico verso i 100 siti web più popolari in diversi paesi, hanno rivelato che gran parte del traffico internet del Brasile, India e Kenya passava attraverso gli Stati Uniti o l’Europa. Hanno anche sperimentato uno strumento chiamato RAN (Region-Aware Networking) permetterà agli utenti di reindirizzare il traffico per evitare di transitare attraverso un particolare paese deviando il traffico attraverso i punti intermedi.
I ricercatori hanno appurato che il Regional-Aware Networking è riuscito ad evitare alcuni paesi più di altri. Anne Edmundson, con Nick Feamster e colleghi, lo scorso 21 giugno ha presentato lo studio all’Association for Computing Machinery’s Conference on Sustainable Societies. Ha detto:
«In particolare, molti siti web popolari sono ospitati solo su server negli Stati Uniti o in Europa. Altri siti offrono un accesso globale attraverso contratti con reti di distribuzione di contenuti, spesso ospitano siti web solo in alcuni paesi».
I ricercatori hanno potuto misurare i percorsi dell’instradamento internet in Brasile, Kenya, India, Paesi Bassi e Stati Uniti con l’accesso a siti web popolari attraverso reti private virtuali, queste hanno fornito informazioni utili all’interno di paesi simili a quelli degli utenti di quei paesi. Hanno poi scaricato le prime 100 pagine web in ogni paese (come classificate da Alexa) e misurato i percorsi tra ogni nodo del client e i server web che hanno fornito il contenuto all’interno di quel paese.
E’ emerso dallo studio che più della metà di tutto il traffico internet originario di altri paesi transitava per gli Stati Uniti. Il Brasile ha mostrato la più alta dipendenza, con l’84 per cento del traffico in transito negli Stati Uniti; quello proveniente dal Kenya, India e Paesi Bassi passava anche attraverso la Gran Bretagna. Inoltre, il traffico proveniente dal Kenya di frequente transitava tra le Mauritius e il Sudafrica, mentre Singapore spesso era una fermata per il traffico proveniente dall’India. Generalmente questi collegamenti tendevano a seguire i percorsi dei cavi di comunicazione sottomarini tra i rispettivi paesi e i nodi di scambio Internet più diffusi.
I ricercatori hanno anche valutato la prevalenza del cosiddetto effetto trombone“, è riferito a percorsi che iniziano e terminano nello stesso paese, ma attraversano un paese straniero durante il percorso, di solito con aumento della latenza, spesso con congestione, prestazioni di applicazioni lente e imprevedibili per gli utenti (spesso attraverso gli Stati Uniti, il traffico internet dal Brasile e dai Paesi Bassi a siti web popolari è soggetto all’effetto trombone).
E’ emerso che circa il 13 per cento del traffico dal Brasile era soggetto a “effetto trombone” e oltre l’80 per cento di questo traffico aveva attraversato gli Stati Uniti, in alcuni tratti anche paesi come la Spagna, Italia e Canada.
Anne Edmundson ha detto:
«Il traffico internet non appena entra nei confini di un paese, diventa soggetto alle leggi e alle politiche nazionali di quel paese, inclusa la sorveglianza o la censura“.
Il team di ricercatori come risposta a questo problema ha progettato e testato il sistema RAN (Region-Aware Networking) per dare agli utenti un maggiore controllo sul loro percorso internet. Oltre ad evitare la sorveglianza e la censura, la riduzione degli instradamenti internazionali potrebbe anche migliorare la velocità di connessione e ridurre i costi. Hanno creato una rete di relè, in dieci paesi utilizza macchinari e un meccanismo per inviare il traffico internet attraverso questi relè. Hanno quindi misurato la capacità del sistema di evitare l’instradamento del traffico dai cinque paesi oggetto dello studio verso altri paesi.
Lo strumento nella maggior parte dei casi, ha aumentato in modo efficace la percentuale di percorsi verso i primi 100 siti web che hanno evitato un determinato paese, per esempio, senza i relè dello strumento, solo il 50% del traffico dal Kenya potrebbe evitare di attraversare la Gran Bretagna; il Region-Aware Networking ha permesso al 97% del traffico di evitare la Gran Bretagna. Lo strumento ha anche portato a modeste diminuzioni di “effetto trombone”.
Il traffico attraverso gli Stati Uniti è stato più difficile da evitare. Il traffico proveniente dall’India ha raggiunto il più alto livello di elusione (65%).
Anne Edmundson ha aggiunto:
«Ciò potrebbe essere inevitabile perché l’unico instradamento verso un certo sito web passa attraverso gli Stati Uniti, o che il contenuto è ospitato solo negli Stati Uniti. L’aggiunta di più relè alla rete potrebbe migliorare la capacità di evitare il transito negli Stati Uniti».
Jedidiah Crandall informatico presso l’Università del New Mexico ha detto:
«Internet è cresciuta senza confini, ora le persone che hanno a cuore la privacy e la libertà di espressione iniziano a preoccuparsi, vogliono sapere dove va a finire il loro traffico internet. Le nazioni, allo stesso tempo, stanno sviluppando le proprie idee sui confini su Internet. L’attuale situazione dei confini è un’importante questione scientifica alla quale il presente documento ha fatto  notevoli progressi per dare una risposta».

Nota: i ricercatori hanno eseguito le loro misurazioni all’inizio del 2016. Le future verifiche potranno indicare se il Brasile e altri paesi per raggiungere i siti internet più diffusi, saranno riusciti a ridurre la loro dipendenza dagli Stati Uniti e dall’Europa.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →