Mega multa ad AT & T, intenzionalmente ha rallentato la connessione internet agli utenti

La Federal Communications Commission (FCC) un’agenzia governativa americana ha sanzionato con una multa di 100 milioni dollari (74,5 milioni di euro) AT & T (il secondo più grande fornitore di telefonia mobile e il più grande fornitore di telefonia fissa negli Stati Uniti), per aver intenzionalmente rallentato la velocità di Internet per i clienti che avevano sottoscritto per piani ” dati illimitati”.
La FCC ha scoperto che quando i clienti utilizzavano una certa quantità di dati per guardare film o navigare sul web, AT & T “strozzava” le loro velocità di Internet in modo che fossero molto più lento del normale. Milioni di clienti di AT & T sono stati colpiti dalla pratica.
AT & T ha dichiarato di voler contestare la multa, è la più grande mai ricevuta dal gestore di telefonia mobile. FCC in un comunicato ha detto che AT & T ha implementato la pratica nel 2011, spingendo migliaia di clienti a lamentarsi. Tom Wheeler presidente della FCC ha detto:
«AT & T ha violato le regole della FCC sulla trasparenza societaria, non ha comunicato correttamente la politica commerciale per i consumatori, pensavano di ottenere un servizio di “dati illimitati”. I consumatori meritano di ottenere ciò per cui pagano, i fornitori di banda larga devono essere trasparenti circa i servizi che forniscono. La FCC non rimarrà con le mani in mano mentre i consumatori sono ingannati da fuorvianti materiali di marketing e insufficienti comunicazioni”.
Un alto funzionario di FCC ha aggiunto:
«Molti clienti con il piano “dati illimitati” di AT & T hanno un servizio 4G LTE, tipicamente prevede una velocità di Internet mobile di oltre 30 megabit il secondo, è circa 60 volte più veloce rispetto alla velocità che hanno sperimentato quando AT & T ha strozzato la loro connessione, sono stati rallentati a velocità equivalenti al dial-up. E’ improbabile per i consumatori ricevere rimborsi da parte di AT & T, i soldi della multa andranno al Tesoro degli Stati Uniti».
AT & T in un comunicato ha contestato le accuse, ha detto:
«La FCC ha specificamente identificato questa pratica come un modo legittimo e ragionevole per gestire le risorse di rete a beneficio di tutti i clienti, ed è noto da anni che è utilizzata da tutti i principali vettori. Siamo stati completamente trasparenti con i nostri clienti, dandone comunicazione in diversi modi che vanno ben oltre i requisiti di pubblicità previsti dalla FCC».
La politica di “dati illimitati” di AT & T non è la prima volta a finire nella bufera, lo scorso ottobre la Federal Trade Commission ha citato in giudizio l’azienda di telecomunicazioni: secondo l’indagine 3,5 milioni di utenti ogni mese in media per 12 giorni hanno avuto il loro servizio internet rallentato al dial-up.
La sanzione milionaria è arrivata in un momento difficile per AT & T, sta cercando di convincere i legislatori ad approvare la sua acquisizione per 49 miliardi dollari di DirecTV il più grande fornitore di TV via satellite della nazione.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento