L’inclinazione della testa aiuta a stabilire il contatto visivo con persone con l’autismo

Ogni volta che guardiamo un volto, con facilità ci imbattiamo in una marea d’informazioni: età, sesso, razza, espressione, direzione dello sguardo del soggetto, forse anche il suo stato d’animo. I volti ci attirano e ci aiutano a navigare nelle relazioni e nel mondo che ci circonda.
E’ un mistero come il cervello svolge tale compito. Capire come funziona il riconoscimento facciale ha un grande valore, forse in particolare per coloro il cui cervello elabora le informazioni in modi che mettono a dura prova il contatto visivo, comprese le persone con autismo. Aiutare le persone ad attingere a questo flusso di spunti sociali potrebbe essere rivoluzionario.
Il nuovo studio sulla “fissazione” facciale condotto da Nicolas Davidenko, assistente professore di psicologia all’Università della California, Santa Cruz, è stato pubblicato sulla rivista Perception, aumenta considerevolmente le nostre conoscenze. Ha detto:
«Guardare gli occhi permette di raccogliere molte più informazioni. E’ un vero vantaggio; al contrario, l’incapacità di stabilire un contatto visivo ha un impatto negativo sulle capacità di elaborazione facciale, ti mette in una situazione di reale svantaggio sociale. Le persone che sono riluttanti al contatto visivo possono anche essere percepite come disinteressate, distratte o distaccate».
Gli scienziati sanno da decenni che dal punto di vista dello spettatore quando guardiamo un viso, tendiamo a concentrarci sul lato sinistro del viso che stiamo osservando. Chiamato il “pregiudizio dello sguardo sinistro”, si pensa che questo fenomeno sia radicato nel cervello, il cui emisfero destro domina il compito di elaborazione del volto.
I ricercatori sanno anche che abbiamo un momento terribile “leggendo” una faccia a testa in giù. E’ come se i nostri circuiti neurali venissero strapazzati e siamo sfidati a cogliere le informazioni più elementari. Molto meno si sa di come elaboriamo le facce ruotate o leggermente inclinate.
Nicolas Davidenko spiega:
«Rileviamo i volti in modo olistico, tutto in una volta, non caratteristica per caratteristica. Nessuno aveva studiato, dove guardiamo quando le facce sono ruotate. Ho utilizzato l’oculometria (tracciamento degli occhi) per ottenere le risposte. Ciò che ho scoperto mi ha sorpreso: la polarizzazione dell’occhio sinistro è completamente svanita ed è emersa una “polarizzazione dell’occhio superiore”, anche con un’inclinazione minore di 11 gradi fuori centro.
Le persone tendono a guardare prima l’occhio più alto, una leggera inclinazione elimina il pregiudizio dello sguardo sinistro che è stato conosciuto per tanto tempo. E’ un dato interessante, sono rimasto sorpreso di quanto fosse importante».

Scoperta interessante per le persone con autismo
Nicolas Davidenko ha scoperto che l’inclinazione porta le persone a guardare di più gli occhi, forse perché li rende più accessibili e meno minacciosi:
«Tra tutte le specie, il contatto visivo diretto può essere minaccioso, quando la testa è inclinata, guardiamo l’occhio superiore più di uno o entrambi gli occhi di quando la testa è in posizione verticale. Penso che questo risultato potrebbe essere usato a livello terapeutico».
Nicolas Davidenko è ansioso di esplorare due aspetti di questi risultati: se le persone con autismo sono più a loro agio con immagini di volti ruotati, e se le inclinazioni aiutano a facilitare la comprensione durante la conversazione. Ha detto:
«I risultati possono anche essere di valore per le persone con ambliopia, o “occhio pigro”, che può essere sconcertante per gli altri. Nella conversazione, potrebbero voler inclinare la testa in modo che il loro occhio dominante sia in alto, considerando la naturale tendenza delle persone a fissare il loro sguardo su quell’occhio.
L’effetto è più forte quando la rotazione è di 45 gradi. La polarizzazione dell’occhio superiore è molto più debole con una rotazione di 90 gradi, novanta gradi è troppo strano, le persone non sanno, dove guardare, ciò cambia totalmente il loro comportamento».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →