Le persone che incontriamo online influenzano le nostre emozioni quotidiane

I ricercatori dell’Università di Tilburg, in Olanda dopo aver esaminato oltre 2.000 video blog su YouTube, sono giunti alla conclusione che le persone rispecchiano le emozioni di chi vede online e cercano persone che condividono le proprie emozioni. La ricerca è stata pubblicata su Social Psychological and Personality Science.
Hannes Rosenbusch dell’Università di Tilburg, autore principale dello studio, ha detto:
«La nostra ricerca ha evidenziato che le persone che incontriamo online possono influenzare le nostre emozioni quotidiane. Essere esposti a persone felici o arrabbiate può renderci più felici o arrabbiati».

Contagio e omofilia
Essere influenzati dalle emozioni altrui è noto come “contagio”. Le persone cercano altre persone come loro, persone con idee e stati d’animo simili, in psicologia, è nota come “omofilia”.
I ricercatori con quasi 5 miliardi di video guardati quotidianamente su YouTube, si sono concentrati sui video blog e i vlogger (youtuber), le persone che li producono. I vlogger nei loro video condividono emozioni ed esperienze, fornendo una fonte affidabile di dati.
Il team per valutare se le persone che guardano i video blog prova il contagio emotivo o l’omofilia, oltre a studiare le parole e le emozioni espresse dai vlogger, ha analizzato il linguaggio emotivo dei commenti online, in questo modo è stato possibile modellare l’effetto di reazioni emotive immediate (contagio) che sostenute (omofilia).
Il team ha scoperto che c’è sia un effetto sostenuto sia un effetto immediato che porta l’emozione YouTuber correlata all’emozione del pubblico: quando un YouTuber pubblica un video con un tono generalmente positivo, il pubblico reagisce con forti emozioni positive. Lo stesso vale per altri stati emotivi.
La ricerca ha analizzato un sistema complicato: gli esseri umani. Gli effetti delle emozioni video sulle emozioni del pubblico comprendono probabilmente una combinazione di meccanismi come il contagio, l’empatia e la simpatia.
E’ il primo studio a utilizzare una fonte di social media focalizzata sui video come YouTube per esplorare il contagio e l’omofilia; altri ricercatori hanno sviluppato risultati simili guardando i siti di social media basati su testi come Twitter e Facebook.
Hannes Rosenbusch in conclusione ha detto:
«La nostra vita sociale potrebbe spostarsi sempre più verso la sfera online, ma le nostre emozioni e il modo in cui ci comportiamo gli uni verso gli altri saranno sempre guidati da processi psicologici di base».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →