I leader mondiali sono persone normali quando impegnate nel loro dovere quotidiano (foto)

Cristina Guggeri come riportato nella sua biografia è nata nel seno di una famiglia artisticamente dotata, ha seguito la naturale tendenza a produrre opere di vario genere e con differenti tecniche che spaziano dalla pittura a olio alla computer grafica, sempre in equilibrio instabile ma positivo sulle varie possibilità di espressione personale, tendente sempre a elaborare uno stile figurativo di base. I colori e le luci utilizzate variano la loro cromaticità legata allo stato d’animo dell’istante, in cui il primo sguardo complessivo delle opere sembra quasi disorientare l’osservatore avvolgendolo in una spirale di emozioni a volte anche contrastanti. Il segno molto spesso marcato e definito svolge un ruolo importante e decisivo per l’opera.
Interessata anche allo studio psico-pedagogico dell’individuo, dopo la Maturità Artistica conseguita a Cagliari ha preso la Laurea in Scienze dell’Educazione con la tesi “L’arte nello sviluppo della persona”.

I leader mondiali visti da Cristina Guggeri sono persone normali quando impegnate nel loro dovere quotidiano (foto)

Cristina Guggeri - Barack Obama

Tenuto conto di tutte le decisioni pesanti che giornalmente i leader mondiali devono prendere, può essere facile dimenticare che sono pur sempre persone normali.
Cristina Guggeri poliedrica artista cagliaritana non l’ha dimenticato, anzi ha voluto ricordarlo a tutti con una serie d’immagini che ha chiamato (“The Daily Duty”) “Il Dovere Quotidiano” (clicca la foto per vedere altre immagini).
Cristina Guggeri ha umanizzato alcuni leader più famosi del mondo tra questi, Silvio Berlusconi, la Regina Elisabetta, Vladimir Putin, Angela Merkel, Barack Obama, Mario Draghi (Bce). Ci sono perfino Papa Bergoglio e il Dalai Lama, immaginandoli tutti come potrebbero apparire quando impegnati a rispondere alla chiamata della natura.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento