Anno 2011 – 7 miliardi di persone vivono sulla Terra, quando sono nato eravamo in 4.306.173.582 e voi? Controlla con la tua data

La popolazione mondiale nelle prossime settimane raggiungerà la cifra di 7 miliardi di persone viventi sulla Terra

Il numero di persone sulla Terra, per la maggior parte della storia umana, dopo una crescita lenta è più che raddoppiato negli ultimi 50 anni.
Inserisci qui la tua data di nascita per vedere dove è collocata la tua posizione in questa storia della vita umana.

Anno 2011, riuscirà il nostro pianeta a sopportare sette miliardi di persone?
Il video del National Geographic pone intelligentemente semplici statistiche sullo stato della popolazione umana, la terra, il consumo …
 


 
Entro la fine del 2011, la popolazione di esseri umani raggiungerà e inizierà a superare i sette miliardi di persone. Nel 1800, solo un miliardo di persone viveva sulla terra.
Per ogni secondo che passa, cinque persone nascono, due muoiono.
La nostra speranza di vita media è più lunga. Nel 1960, la vita media era di 53 anni, nel 2010, si è attestata sui 69 anni.
Nel 2008 per la prima volta nella storia umana, più persone vivono in aree urbane rispetto alle aree rurali. Entro il 2050 oltre il 70 per cento della popolazione mondiale vivrà in aree urbane.
Nel 1975, esistevano solo tre megalopoli, ora ci sono 21 città classificate come megalopoli (con più di dieci milioni di persone).
Sette miliardi di persone, spalla a spalla, potrebbero stare tutte insieme in una zona delle dimensioni di Los Angeles.
Il problema sulla Terra non è lo spazio ma l'equilibrio:
– il cinque per cento degli esseri umani utilizza il  23 per cento dell'energia;
– il tredici per cento degli esseri umani non ha acqua potabile pulita;
– il trentotto per cento degli esseri umani non ha "servizi igienici adeguati";
– sette miliardi di persone parlano 7.000 lingue, vivono in 194 paesi.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento