Le sigarette light responsabili dell’aumento dei tassi di adenocarcinoma

I consumatori da anni sono consapevoli che il fumo di sigaretta può portare al cancro del polmone. Gli esperti dicono che mentre la consapevolezza del problema ha portato a riduzioni dei tassi complessivi di cancro ai polmoni, un particolare tipo di cancro ai polmoni chiamato adenocarcinoma ha continuato a prosperare, ora è stato scoperto il motivo.
Il dott. Peter Shields, presso l’Ohio State University Comprehensive Cancer Center, afferma che i piccoli fori sui filtri di molte sigarette aumentano il rischio di adenocarcinoma:
«L’adenocarcinoma, oggi è il tipo più comune di cancro del polmone, continua ad aumentare. Ci sono prove che i piccoli fori nel filtro di alcune sigarette sono in gran parte responsabili dell’adenocarcinoma».

Pericoli delle sigarette “light”
I risultati sono un vero shock per i fumatori di sigarette leggere che hanno creduto di essere al sicuro con i filtri. Il dott. Peter Shields ha aggiunto: «La comunità di sanità pubblica ha pensato che quei buchi avrebbero dato maggiori garanzie ai fumatori, purtroppo, sta diventando chiaro che vi sono conseguenze, rendono le sigarette più pericolose, è in aumento il numero di decessi.
Il pericolo maggiore è dovuto al fatto che i fori permettono alla sigaretta di bruciare più lentamente a una temperatura inferiore. Il microsistema di ventilazione attenua il gusto del fumo perché gli agenti che determinano l’aroma sono diluiti dall’aria, il fumatore avrà la tendenza a “compensare” fumando le sigarette leggere in modo più intenso per riuscire ad ottenere una dose soddisfacente di nicotina. La compensazione può comportare delle aspirazioni più frequenti e più profonde, consentirebbe al fumo di raggiungere le parti più profonde del polmone, proprio dove gli adenocarcinomi si sviluppano più frequentemente. Il risultato è che i fumatori di prodotti “leggeri” non consumano meno nicotina degli altri».

Possibili provvedimenti
I ricercatori ora stanno esortando i legislatori a prendere in considerazione l’immissione di maggiori regolamenti sulle sigarette con filtri per ridurre il numero di casi di adenocarcinoma. Il dott. Peter Shields, in conclusione ha detto:
«Pensiamo che la Food and Drug Administration abbia prove sufficienti per vietare i buchi nei filtri nelle sigarette, nel tentativo di proteggere i consumatori, e contribuire a ridurre il numero dei casi e dei decessi per cancro ai polmoni».
Lo studio completo è stato pubblicato dalla rivista Journal of National Cancer Institute.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →