Le formiche a differenza degli umani producono i loro potenti antibiotici

Clint Penick, ricercatore all’Arizona State University, autore principale dello studio ha detto:
«Questi risultati suggeriscono che le formiche potrebbero essere una fonte futura di nuovi antibiotici per aiutare a combattere le malattie umane».
I ricercatori hanno testato le proprietà antimicrobiche associate a 20 specie di formiche, di queste, 8 non ha prodotto alcun antibiotico (40%), il resto l’ha fatto. In particolare, una specie ha prodotto un antibiotico straordinariamente potente.
Adrian Smith, co-autore del lavoro, biologo di ricerca interessato al comportamento e alla comunicazione degli animali, ha detto:
«La formica Thief (Solenopsis molesta), tra le specie che abbiamo testato, ha prodotto il più potente effetto antibiotico, fino ad ora nessuno aveva nemmeno dimostrato di aver fatto uso di antimicrobici».
I ricercatori per valutare la capacità di produzione di antibiotici delle formiche, hanno utilizzato un solvente per rimuovere tutte le sostanze presenti sulla superficie del corpo di ciascuna formica. Hanno quindi introdotto queste sostanze in un composto di batteri, poi per ciascuna delle specie di formica hanno confrontato il modo in cui il composto è cresciuto. Più forte è l’antibiotico, meno i batteri crescono (guarda il video, documenta il lavoro dei ricercatori).

I risultati potrebbero consentire ai medici di sviluppare migliori antibiotici umani. E’ importante anche dal punto di vista biologico.
Adrian Smith ha detto:
«Trovare una specie portatrice di un potente agente antimicrobico è una buona notizia per studiosi interessati a scoprire nuovi agenti antibiotici in grado di aiutare gli esseri umani. E’ importante anche il fatto che così tante specie di formiche sembrino avere poca o nessuna difesa chimica contro gli agenti patogeni microbici».
I ricercatori non sono sicuri perché alcune formiche sembrano non avere alcuna attività di produzione di antibiotici. Le conoscenze tradizionali hanno ritenuto che tutte le specie di formiche producano antibiotici, ma se questo non è il caso, potrebbe significare che hanno sviluppato un modo diverso di proteggersi, ciò può anche essere promettente per lo studio».
Clint Penick ha aggiunto:
«Pensavamo che ogni specie di formica producesse almeno un qualche tipo di antimicrobico, invece, sembra che molte specie per prevenire le infezioni  abbiano trovato modi alternativi che non si basano su sostanze chimiche antimicrobiche».
Il team di ricercatori vuole esplorare ulteriormente quest’aspetto. Hanno in programma di testare più specie di formiche con un maggiore numero di specie di batteri. Vogliono anche determinare esattamente come e, dove le formiche nel loro corpo producono gli antibiotici.
Il documento, “External immunity in ant societies: sociality and colony size do not predict investment in antimicrobials” è stato pubblicato sulla rivista Royal Society Open Science.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →