L’industria della carne consuma i quattro quinti di tutti gli antibiotici

La Food and Drug Administration lo scorso anno ha proposto una serie di “linee guida” progettate per spingere volontariamente l’industria della carne a frenare la sua abitudine agli antibiotici. L’agenzia, da allora, è stata a rimuginare se e come implementare il nuovo programma. L‘industria della carne nel frattempo ha continuato allegramente a rimpinzarsi di antibiotici e sfornare carne piena di patogeni antibiotico-resistenti, come i dati più recenti della stessa FDA stanno a indicare.
La Pew Charitable Trusts (un’organizzazione indipendente senza scopo di lucro, impegnata in un rigoroso approccio analitico per migliorare la politica pubblica, informare l’opinione pubblica e stimolare la vita civile), ha adoperato i dati della FDA sugli antibiotici utilizzati negli allevamenti di bestiame e li ha confrontati con quelli utilizzati nel campo umano per curare le malattie. I risultati comparati li ha inseriti in questo grafico.
Si noti che mentre l’uso annuale di antibiotici per le cure degli umani si è stabilizzato sotto le tre tonnellate, gli allevamenti ogni anno sono stati a succhiare sempre più farmaci, fino a raggiungere nel 2011 un consumo record di oltre tredici tonnellate. Per dirla in un altro modo, l’industria del bestiame ora consuma quasi quattro quinti degli antibiotici utilizzati negli Stati Uniti, e il suo appetito continua a crescere.
Pew Charitable Trusts ha aggiunto che mentre l’American Meat Institute rispetto all’anno precedente ha registrato un aumento dello 0,2 per cento nel totale di carni e pollame nel 2011, i dati della FDA dimostrano che il consumo di antibiotici è aumentato del 2 per cento rispetto allo stesso periodo. Ciò suggerisce che la produzione di carne starebbe diventando sempre più antibiotico-intensivo.
Non sorprende che quando migliaia di animali stipati insieme sono sottoposti a una dose quotidiana di antibiotici, i batteri che vivono in questi animali si adattano e sviluppano una resistenza.
Pew Charitable Trusts ha evidenziato successivi dati ricavati dall’ultimo aggiornamento della FDA sui risultati del suo sistema nazionale di sorveglianza della resistenza antimicrobica, o NARMS (compra campioni di prodotti a base di carne e li sottopone al test per batteri patogeni). I risultati anche in questo caso sono preoccupanti. Ecco alcuni punti salienti:

salmonella tacchino di terra: circa il 78% erano resistenti ad almeno un antibiotico e metà dei batteri erano resistenti a tre o più antibiotici. Queste cifre sono in crescita rispetto al 2010;
• quasi tre quarti della salmonella trovata nel petto di pollo al dettaglio erano resistenti ad almeno un antibiotico. Circa il 12% di petto di pollo al dettaglio e campioni di tacchino a terra sono stati contaminati da salmonella;
• resistenza alla tetraciclina [un antibiotico] del Campylobacter sul pollo al dettaglio. Circa il 95% dei prodotti di pollo sono stati contaminati da Campylobacter, quasi la metà di questi batteri erano resistenti alle tetracicline. Ciò riflette un aumento rispetto allo scorso anno e il 2002.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento