Laila Rez, è stata assassinata, la sua ultima immagine da viva, catturata da una telecamera di sicurezza su un autobus inglese

Ore 19.27, questa è l’ultima immagine in vita di Laila Rez, novanta minuti dopo, la donna, è stata trovata esamine, nella sua abitazione, in un lago di sangue. I detective non hanno eliminato la possibilità che l’assassino può aver viaggiato con lei sullo stesso autobus. La famiglia della donna, morta in ospedale per le profonde ferite riportate alla testa, ha detto: "Laila era una donna insostituibile. Era la nostra principessa bella e non meritava di morire in questo modo. Ora è in Paradiso, ma chi l’ha assassinata è libero e può commettere altre malvagità. Facciamo appello a chiunque possa fornire informazioni per la protezione di tutti".
Dalle prime indagini della polizia che ha ricostruito le ultime ore di vita di Laila Rez, egiziana, 51enne, uscita dal lavoro, aveva preso l’85, un autobus a due piani (alle 19.27, l’ultima immagine che la ritrae sull’autobus), per scendere, dopo dieci minuti, alla fermata di Kingston Vale, distante alcuni minuti di camminata dalla sua abitazione a Robin Hood Lane.
Alle 21.00, Tamer e Dina, i due figli della signora, arrivati a casa hanno trovato la porta socchiusa, dentro, la madre, priva di sensi, giaceva a terra in un lago di sangue, tra l’ingresso e il soggiorno. Il fidanzato della figlia, studente in medicina, chiamato dalla ragazza, era arrivato subito dopo per tentare un primo intervento di pronto soccorso per animare la donna, in attesa dell’autoambulanza. Trasportata al St George’s Hospital, la donna è morta il pomeriggio successivo.
Il soprintendente detective Richard Heselden, a cui è stata affidata l’inchiesta per omicidio dice:
"Abbiamo reso pubblica l’ultima immagine di Laila Rez, che la ritrae viva, nella speranza di trovare utili informazioni dai passeggeri che erano sull’autobus quella sera e da chi può averla incrociata lungo la strada di Kingston Vale. Il delitto, con molta probabilità, è stato commesso da un estraneo alla sua cerchia di amici e conoscenti".
Nell’abitazione della donna, nulla è stato rubato, la porta non è stata forzata. La polizia non ha commentato se il delitto è stato commesso per un tentativo di violenza sessuale.
Laila Rez, lavorava come traduttrice per una stazione televisiva araba.
Kingston Vale, dove è stato commesso il delitto, è un quartiere ricco di Londra, con uno dei tassi più bassi di criminalità di tutta la capitale.
Liberamente tradotto da DailyMan

                                            ***
Questo articolo ha attirato la mia attenzione e mi ha dato spunto per riflettere se è giusto, o meno, controllare a tappeto una città, senza eccedere in controlli che vanno oltre la normale sorveglianza. In Inghilterra, i controlli sono diventati sempre più maniacali, ultimamente, le telecamere a circuito chiuso, controllano anche i  cassonetti dell’immondizia e tutte le persone che gettano i rifiuti.
Mia riflessione, non è che hanno superato il limite? forse il peggio deve ancora venire? Si parla di microchip da inserire sotto pelle, appena nati.

(Da Punto Informatico) – Le organizzazioni di difesa della privacy e delle libertà civili fondamentali sono allarmate. Dubbia rimane l’efficacia della pervasività degli strumenti di sorveglianza nella società inglese nel ruolo di prevenzione dei crimini. Le telecamere a circuito chiuso, piazzate per ogni dove per le strade di Londra proprio con il compito di individuare improvvise esplosioni di violenza casuale (erano 4 milioni in tutta l’Inghilterra già nel 1994), per quanto dotate di software avanzati di riconoscimento delle forme e microfoni in grado di individuare i toni di voce fuori posto, hanno finora dimostrato di non essere in grado di fare molto più di quanto i "bobby" in giro per la città non facessero già da soli: le statistiche criminali dicono che la percentuale di omicidi è rimasta sostanzialmente costante.

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

2 thoughts on “Laila Rez, è stata assassinata, la sua ultima immagine da viva, catturata da una telecamera di sicurezza su un autobus inglese

  1. Mi spiace per questa donna assassinata e per tutti coloro che,ogni giorno,subiscono violenze di vario tipo ma,sinceramente,spero che il CONTROLLO TOTALE resti sempre una pia illusione del POTERE!!!!

    Saluti senza chip elettronici nel buco del C**O!!!!

Lascia un commento