Elezioni tedesche, la vera forza di Angela Merkel

Angela Merkel sarà con ogni probabilità rieletta. La Cina, per primo, vede la Cancelliera tedesca in carica come la “madre se non la nonna” di tutta Europa. La sua vittoria sarà una buona notizia per la sua nazione e per il pianeta.
Henry Kissinger notoriamente sintetizzava i problemi della Germania dicendo che era “troppo grande per l’Europa, troppo piccola per il mondo“. E’ un buon modo di dire anche se non del tutto esatto. Lo stesso si può dire oggi per la Cancelliera tedesca?
Angela Merkel dopo 12 anni di dominio, con ogni probabilità sarà rieletta il 24 settembre 2017 per un quarto e probabilmente definitivo mandato. E’ una testimonianza della sua forza e della sua importanza, ma non significa che sia “troppo grande per l’Europa“, se è così è solo perché i suoi partner al potere, a Parigi, Roma, Varsavia, Madrid e Londra,  semplicemente non sono stati in grado di salire al suo livello. L’osservazione vale anche per l’attuale campagna elettorale in Germania, non è che sia stata all’insegna di troppo Merkel, in effetti, non c’è stata abbastanza presenza da parte del suo avversario Martin Schultz, il candidato del partito socialista.
E’ anche sbagliato considerare Merkel “troppo piccola per il mondo”. La Germania non intende ancora essere giudicata sul suo potere militare, ma sulla sua salute economica e, è essenziale, sulla sua leadership morale. La sua storia l’ha vaccinata, più e probabilmente meglio di altri, contro i virus del nazionalismo estremo e della xenofobia.
La forza e la fortuna della Germania derivano dai leader i cui messaggi sono legati anche ai loro nomi: Konrad Adenauer e la riconciliazione con l’Occidente, Willy Brandt e la riconciliazione con l’Oriente, Helmut Kohl e l’unificazione della Germania, Gerhard Schröder e le riforme economiche strutturali. Angela Merkel sarà probabilmente ricordata per la sua longevità politica, ma anche per aver posto le considerazioni etiche sopra le preoccupazioni ideologiche: chiudere l’accesso del credito alla Grecia e aprire le frontiere della Germania al flusso di rifugiati sono due misure che si adattano a questa vena puritana e morale. Non puoi continuare ad accumulare debiti. C’è anche una forma di redenzione nell’apertura a “altri” in assoluto bisogno, specialmente se così facendo si possono anche soddisfare le esigenze demografiche di un’economia tedesca che ha bisogno di mano d’opera.
Angela Merkel per il suo pragmatismo e la prudenza, e, soprattutto, la sua capacità di seguire il suo istinto morale, sarà ricordata dal suo paese e dall’intera Unione europea, come il volto rassicurante che era nel giusto paese al momento giusto. Naturalmente, c’è spazio per le critiche riguardo ai 12 anni di decisioni della Merkel in materia di leadership: la sua eccessiva cautela, la sua contrazione della crisi greca e, più in generale, la sua capacità di “risparmiare tempo”.

Europa e Germania senza Merkel
Immaginiamo per un attimo la Germania e l’Europa senza la Merkel, in un momento in cui cresce una crisi all’interno dell’UE con la Gran Bretagna che esce dall’Unione europea e la Francia che non è esattamente nella sua migliore forma politica. La Germania in termini di politica internazionale, soffre di svantaggi strutturali: non è un membro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, probabilmente non lo diventerà mai. Inoltre spendere di più per le forze armate comporta considerevoli sforzi, non diventerà un sostituto della Gran Bretagna durante la notte. La Francia, naturalmente, sostiene la candidatura della Germania, solo perché sa che non entrerà mai nel Consiglio di sicurezza come membro permanente.
La Germania della Merkel pur essendo un potere essenzialmente unidimensionale, continua a far sentire la sua voce sul palcoscenico internazionale: Berlino ha potuto parlare con fermezza alla Russia di Vladimir Putin. Ha rafforzato la sua statura morale utilizzando la saggezza basandosi sui suoi principi quando ha affrontato le provocazioni del presidente degli Stati Uniti Donald Trump. La Cina vede la Merkel non solo come leader dell’economia più grande d’Europa, ma anche come “madre se non nonna” di tutta l’Europa.
I vantaggi e gli svantaggi della Germania devono essere visti in un contesto più ampio e soprattutto europeo. Esiste, di fatto, una partnership naturale tra la Germania e la Francia, sembra ancora più evidente alla luce della vittoria di Emmanuel Macron in Francia e la probabile rielezione della Merkel: partnership che non esiste solo tra i due paesi, ma anche tra i due leader, tanto nella cultura quanto nello stile personale. Il nuovo presidente francese a volte si dice che sia “esagerato”, mentre la Cancelliera tedesca è criticata per non aver fatto abbastanza.
L’elezione di Macron è giunta a rafforzare la candidatura di Merkel. E la rielezione di Merkel sarà un bene per Macron. La Germania funge da rassicurazione per la Francia che punta finalmente alle riforme. La Francia a livello europeo incita la Germania a mostrare più audacia e creatività.
In conclusione una cultura della speranza e della prudenza messe insieme possono costituire un ottimo rimedio per un’Europa in cerca di se stessa in un mondo in continua evoluzione.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →