Gli scienziati hanno appena progettato un nuovo strumento per diagnosticare in anticipo la malattia di Alzheimer

Gli scienziati hanno scoperto un potenziale nuovo metodo per diagnosticare la malattia di Alzheimer e valutare le prospettive dei pazienti. La demenza colpisce quasi 44 milioni di persone in tutto il mondo, queste cifre sono destinate a crescere perché la popolazione mondiale invecchia. La forma più comune di demenza è la malattia di Alzheimer.
I medici al momento non hanno nessun singolo test per valutare se qualcuno soffre di Alzheimer e quale sia la loro prognosi, possono di solito dire se una persona ha la demenza, spesso è più difficile determinare la causa esatta e confermare se si tratta di Alzheimer.
La creazione di nuove diagnostiche e biomarcatori che possono migliorare la rilevazione e la gestione della malattia di Alzheimer è quindi una priorità per assicurare che le persone siano diagnosticate in anticipo e possano ricevere adeguate cure e trattamenti.
La diagnosi precoce è importante in modo che i medicinali disponibili trattino solo i sintomi della malattia e funzionino meglio quando presi nelle prime fasi della malattia. Gli scienziati in uno studio pubblicato nella rivista Science Advances, hanno mostrato che quando c’è la malattia le proprietà fisiche degli aggregati proteici che si trovano nel fluido spinale cerebrale e nel sangue dei pazienti sono alterati. Hanno detto: “Queste proprietà possono essere usate come una nuova classe di” biomarcatori fisici“.
Gli scienziati hanno dimostrato che, mentre aumenta la gravità dell’Alzheimer, le proteine sembravano essere più lunghe, più rigide e più raggruppate.

Progettazione di un algoritmo
Gli scienziati, poi hanno utilizzato un algoritmo progettato per valutare la gravità della malattia. L’algoritmo ha combinato informazioni su questi nuovi biomarcatori e su molti altri fattori tipicamente utilizzati per diagnosticare la malattia di Alzheimer, come i punteggi delle valutazioni cognitive dei pazienti.
Mingjun Zhang professore presso il Dipartimento di Ingegneria Biomedica della The Ohio State University, autore dello studio, ha detto:
«Con uno strumento come questo si può prevedere quanto velocemente questa malattia progredirà, attualmente non possiamo farlo. Osservando più indicatori della malattia, tutti in una volta aumenta l’affidabilità della diagnosi e della prognosi.
Naturalmente, questo al momento è solo uno strumento sperimentale, quindi non è ancora pronto per l’uso clinico. C’è la speranza che in futuro potrebbe radicalmente cambiare le esperienze dei pazienti, aiutando a diagnosticarle in anticipo e con maggiore fiducia, dando loro un’idea più precisa della loro prognosi».
Douglas Scharre, coautore dello studio, ha aggiunto:
«I migliorati strumenti diagnostici potrebbero aiutare i medici a risolvere con più rapidità i pazienti che soffrono della malattia di Alzheimer e che stanno sperimentando un declino cognitivo per altri motivi.
Gli scienziati inoltre pensano che questo strumento diagnostico potrebbe anche contribuire ad accelerare la scoperta di nuovi trattamenti, in particolare per le persone nelle fasi successive della malattia: infatti, avere un biomarcatore facilmente osservabile che cambia velocemente nel tempo, potrebbe aiutare gli scienziati a controllare l’impatto dei trattamenti sperimentali che vogliono testare. Il biomarcatore che in tre settimane o tre mesi dimostra che il farmaco non stia causando un danno o rallentando la malattia, ci aiuterà a non perdere tempo a trovare migliori trattamenti».