La città di Losanna è sconvolta dopo la scoperta che il suo suolo è inquinato da composti tossici eruttati da un vecchio inceneritore

Losanna, la capitale dello sport olimpico affacciata sul Lago di Ginevra, è sconvolta dopo aver scoperto che gran parte del suo suolo è inquinato da composti tossici eruttati da un vecchio inceneritore. La situazione, che ha implicazioni preoccupanti per i bambini e il consumo di cibo di produzione propria, non ha precedenti nella ricca Svizzera, che è orgogliosa delle sue montagne, laghi e pascoli incontaminati. È emerso che un impianto di incenerimento dei rifiuti domestici nella quarta città più grande della nazione alpina, chiuso dal 2005, è il responsabile delle ricadute di diossina.
Le diossine, che appartengono alla cosiddetta “sporca dozzina” di sostanze chimiche pericolose note come inquinanti organici persistenti, hanno il potenziale per essere altamente tossiche. È stato dimostrato che colpiscono diversi organi e sistemi.
Il problema dell’inquinamento è stato scoperto per puro caso tra gennaio e maggio del 2021 in una nuova area ecologica pianificata in città. Natacha Litzistorf, assessore all’ambiente ha detto:
«Il monitoraggio dell’inquinamento per anni si è concentrato su aria e acqua, visto che non abbiamo cercato diossine, non le abbiamo mai trovate».
La scoperta ha innescato misurazioni di analisi del suolo in 126 siti in tutta la città. Gli esperti hanno anche esaminato i rischi associati all’esposizione a suoli inquinati. Losanna ha annunciato che gli studi hanno scoperto che i livelli di diossina e l’estensione dell’area colpita erano peggiori di quanto si pensasse in precedenza.
La città ha pubblicato una mappa che mostra quattro anelli concentrici, con zone contenenti concentrazioni nel suolo di 20-50 nanogrammi (ng) per chilogrammo, 50-100, 100-200 e poi oltre 200 nel mezzo. È stato registrato nel centro della città un picco di 640. La zona interessata si estende per 5,25 chilometri nell’entroterra e misura circa 3,6 chilometri di diametro.
La popolazione ha ricevuto raccomandazioni di lavare frutta e verdura coltivate in giardini e orti e lavarsi le mani dopo aver toccato il suolo. Gli ortaggi a radice coltivati nell’area nelle zone con più di 100 ng equivalenti tossici per kg, devono essere lavati e pelati. È stato loro vietato di mangiare zucchine, cetrioli, cetriolini, zucche, zucchine e meloni coltivati nel terreno.
Le persone in tutte le zone colpite non dovrebbero mangiare polli allevati sul terreno, offrire o vendere uova di tali polli, mentre solo quelli in zone contenenti concentrazioni nel suolo di 20-50 nanogrammi (ng) per chilogrammo, possono mangiare le loro uova, anche se solo un uovo a settimana.
I genitori devono anche impedire ai bambini di età inferiore ai quattro anni di ingerire terra, ad esempio toccandosi la bocca dopo aver giocato per terra. Cartelli di avvertimento sono stati installati intorno ai parchi e ai parchi giochi della città.

Fonte dell’inquinamento
I cerchi concentrici riportati sulla mappa sembrano portare a una sola fonte. Natacha Litzistorf ha detto:
«Abbiamo subito sospettato che la causa fosse collegata a un ex inceneritore. Lo stabilimento di Vallon è stato aperto nel 1958, inizialmente è stato accolto come un modo per trattare i rifiuti della città, all’epoca si pensava che fosse meglio posizionare gli inceneritori di rifiuti nel centro della città per proteggere l’agricoltura nelle campagne».
L’inquinamento da diossine provocato dai fumi del vecchio inceneritore di rifiuti domestici di Vallon a Losanna fa sorgere una domanda: quanti casi analoghi potrebbero esserci in Svizzera?
Robin Quartier, direttore dell’Associazione svizzera degli impianti di smaltimento dei rifiuti, ha detto:
«Di impianti simili negli anni ’70 e ’80 ce ne erano più di oggi, circa il doppio, erano più piccoli e con un sistema di trattamento dei fumi non molto buono. I valori soglia da rispettare erano pochi, comunque questi impianti erano un’alternativa a una soluzione peggiore, quella delle discariche, soggette ad incendi che potevano sprigionare emissioni spaventose».

Prossimi passi
L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che l’esposizione a breve termine ad alti livelli di diossine può provocare lesioni cutanee, come cloracne e scurimento a chiazze della pelle, e alterazione della funzione epatica.
L’esposizione a lungo termine è collegata alla compromissione del sistema immunitario, del sistema nervoso in via di sviluppo, del sistema endocrino e delle funzioni riproduttive.
Natacha Litzistorf, in conclusione ha affermato:
«Non sono a conoscenza di nessun abitante che si sia fatto avanti con condizioni fisiche legate all’inquinamento da diossina. La questione della potenziale responsabilità dell’inquinamento al momento rimane irrisolta, così come su che cosa fare dopo, mentre la caccia alla diossina si espande. La domanda che tutti si stanno ponendo è se un territorio così vasto possa essere ripulito, chi dovrebbe ripulirlo e quanto potrebbe costare».

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →