Inventata la crema solare che si può bere

I giorni della fastidiosa appiccicosa crema solare sono contati, Osmosi Skincare società di cosmetici statunitense sostiene di aver progettato una crema solare che si può bere, il suo prodotto, denominato protezione armonizzato H20 UV, è in grado di fornire una protezione solare fino al fattore 30. I produttori sostengono che una volta che l’elisir è ingerito, le molecole del prodotto vibrano sulla pelle per cancellare il 97 per cento di raggi UVA e UVB.
Il sito web della società, che è stata fondata dal Dr. Ben Johnson, consiglia alle persone mentre sono sotto il sole per ottenere la piena tutela di “bere 2 ml di prodotto ogni quattro ore, preferibilmente con 2 ml di acqua. Aspettare un’ora prima dell’esposizione al sole. Monitorare attentamente l’esposizione al sole, dopo tre ore prendere una seconda dose”. Il sito elenca un gran numero di entusiastiche testimonianze di persone che hanno utilizzato l’innovativa crema solare potabile. Il prodotto anche se è in attesa di ricevere l’approvazione ufficiale di organismi sanitari di dermatologia è venduto al prezzo di trenta dollari (circa 22 euro) per una bottiglia da 100 ml ed è disponibile in due forme: “abbronzatura” (consente di ottenere un’abbronzatura pur essendo protetti dai raggi solari nocivi) e “non abbronzatura”.
I cosmetici potabili negli ultimi anni a seguito di un aumento di prodotti alimentari, sono una nuova frontiera per l’industria della bellezza, di recente sono state sviluppate gelatine per migliorare la pelle. Skincare Imedeen già offre compresse per migliorare l’abbronzatura, anche senza fattore di protezione solare SPF (rappresenta un fattore tempo che ritarda la comparsa di scottature in condizioni standardizzate).
Sue Devitt, la famosa truccatrice delle celebrità (tra cui Sarah Jessica Parker), è stata tra le prime a sviluppare un elisir di bellezza potabile.

, , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento