In Olanda distribuiti biglietti del gratta e annusa la marijuana, per aiutare le autorità a scoprire piantagioni illegali

Le autorità olandesi chiedono la collaborazione della popolazione per trovare le piantagioni illegali di cannabis, nascoste dai vicini di casa in soffitte, appartamenti e magazzini.
 
Gratta e vinci marijuanaCirca 30.000 famiglie olandesi stanno ricevendo dalle autorità biglietti del gratta e vinci al profumo di marijuana, nel tentativo di scoprire in città luoghi utilizzati per la coltivazione illegale di cannabis.
I funzionari di Rotterdam e L'Aia dicono che stanno distribuendo i biglietti per aiutare le persone a riconoscere ciò che puzza di cannabis. Le schede includono anche un numero per segnalare i sospetti coltivatori di marijuana.
Arnie Loos, portavoce del governo che ha nominato il gruppo di lavoro per combattere la coltivazione di cannabis in Olanda, ha detto:
"I cittadini devono essere informati sui pericoli che bisogna affrontare a causa di queste piantagioni, chi è a conoscenza d’eventuali situazioni sospette deve denunciarle".
La scheda del gratta e odora è di colore verde, misura 20 centimetri di larghezza per 10 centimetri d'altezza, ha una scritta che dice: "Aiutaci nella lotta contro le piantagioni di cannabis".
La scheda quando è grattata emana il profumo di marijuana, contiene anche indicatori sulla coltivazione urbana di cannabis, informazioni sui punti di fornitura d’energia elettrica e suggerimenti su come individuare tende sospette.
Le autorità olandesi dicono che le piantagioni sono un pericolo perché possono provocare incendi o incidenti a causa di cavi elettrici di fortuna e le lampade accese per mantenere una temperatura di coltivazione di 27C.
Le autorità ritengono che nei Paesi Bassi esistono circa 40.000 piantagioni illegali di cannabis nascoste in soffitte, appartamenti e magazzini. Ogni anno solo a Rotterdam sono scoperte circa 200 piantagioni.
, , , , , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento