Il gesto “OK” con la mano ora rappresenta un simbolo di odio

Il nuovo rapporto riportato da Anti-Defamation League ha indicato il gesto della mano “OK” come simbolo di odio. Anti-Defamation League (ADL, Lega Antidiffamazione) è un’organizzazione non governativa internazionale ebraica con sede negli Stati Uniti d’America, si definisce come “la principale agenzia nazionale relazionata ai diritti civili e ai diritti umani”; afferma di “combattere l’antisemitismo e tutte le forme di pregiudizio, di difendere gli ideali democratici e di proteggere i diritti civili per tutti facendo informazione, producendo istruzione e educazione, legislazione e patrocinio”.
ADL ha ampliato e aggiornato la sua risorsa online di simboli di odio per includere 36 nuove voci. Ha aggiunto il gesto della mano “OK” al suo database di slogan e simboli usati dagli estremisti.
Il gesto OK eseguito collegando il pollice e il dito indice a formare un cerchio, è universalmente noto per indicare che tutto va bene o l’approvazione di qualcosa. ADL ha detto che sebbene non tutti lo consideri un atto di odio, il segno è stato cooptato dal movimento politico Alt-right (abbreviazione inglese che sta per alternative right – destra alternativa in italiano -, nato negli Stati Uniti, promuove ideologie di destra alternative a quelle tradizionali del conservatorismo).
ADL riporta che il gesto della mano OK e il suo legame con il nazionalismo bianco sono iniziati come una bufala elaborata dagli utenti del sito Web 4chan, l’hanno collegato alla supremazia bianca.
Gli esperti di ADL hanno detto che doveva attirare i media o le persone con ideali liberali per farli reagire in modo eccessivo, e quindi apparire ridicoli per aver condannato un segno così innocuo. Il segno nel 2019 è stato adottato da alcuni nazionalisti bianchi. ADL nel suo rapporto ha scritto:
«Alcuni suprematisti bianchi sembrano aver abbandonato l’originale intento ironico o satirico che si cela dietro la campagna, hanno usato il simbolo come espressione della supremazia bianca».
I loro esperti tra i riferimenti hanno indicato il suprematista bianco australiano Brenton Tarrant, accusato lo scorso marzo di aver massacrato 51 persone in due moschee della Nuova Zelanda. Brenton Tarrant è stato fotografato mentre mostrava con le dita il simbolo OK durante l’apparizione in un’aula di tribunale subito dopo il suo arresto. Brenton Tarrant si è dichiarato non colpevole.
Jonathan Greenblatt, CEO di ADL in una nota ha detto:
«Riteniamo che le forze dell’ordine e il pubblico debbano essere pienamente informati sul significato di queste immagini, possono servire come primo segnale di avvertimento per la presenza di nemici in una comunità o scuola».

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →