Coronavirus contro influenza: come sono simili e come differiscono

L’epidemia di coronavirus Covid-19 in corso anche se non ha ancora raggiunto i picchi dell’influenza stagionale (l’influenza si diffonde nel mondo in epidemie annuali, provocando da tre a cinque milioni di casi gravi e da 250.000 a 500.000 morti), ha dimostrato di essere un problema e una grave minaccia. I coronavirus non sono nuovi, li conosciamo da un po’ di tempo, i ricercatori li hanno ampiamente studiati. I coronavirus sono comuni tra gli animali e in rari casi, che gli scienziati chiamano zoonosi, possono essere trasmessi dagli animali all’uomo.
C’è una buona probabilità che tu abbia già avuto un’infezione da coronavirus: si manifesta come uno di quei raffreddori forti e febbrili, alcuni coronavirus, tuttavia, sono molto più pericolosi di un raffreddore. La Sars (la sindrome respiratoria acuta grave), per esempio, ha infettato circa 8.000 persone, uccidendone quasi 800: quest’enorme tasso di mortalità di quasi il 10% ha reso la Sars una delle epidemie più discusse e temute del 21° secolo.
L’influenza è causata da un virus influenzale, gli Orthomyxoviridae, spesso citati per questi virus, colpiscono anche un certo numero di animali e possono saltare dagli animali all’uomo. Esempi famosi includono i virus H1N1 (che ha causato l’influenza spagnola del 1918 e la più recente influenza suina del 2009, che ha ucciso tra 151.000 e 575.000 persone in tutto il mondo) e H5N1, che ha potenziale pandemico e causa influenza aviaria.

Il coronavirus quanto è grave rispetto all’influenza?
Il confronto è più pertinente di quanto si possa pensare. Entrambi sono contagiosi, entrambi possono uccidere ed entrambi sembrano causare sintomi simili (vedi immagine sintomi del nuovo coronavirus). I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) riporta che ogni anno sono uccise dall’influenza ben 646.000 persone, anche se la cifra potrebbe essere più bassa. Rispetto a ciò, il recente impatto dell’epidemia di coronavirus sembra quasi trascurabile.
L’influenza uccide circa 2 persone su 100.000 che infetta. Il coronavirus sebbene sia ancora piuttosto presto, sembra essere fatale molto più spesso. Le cifre iniziali sembravano portare il tasso di mortalità al 2%, anche se più recentemente il numero sembra essere sceso allo 0,4%; anche così, è un dato enorme rispetto al tasso di mortalità dell’influenza dello 0,002%. Il coronavirus, quindi, se infettasse più persone dell’influenza, potrebbe essere molto più minaccioso perché a peggiorare la situazione, non esiste una prevenzione o un trattamento per il coronavirus (sebbene sia in corso un intenso lavoro sia per un trattamento, sia per un vaccino), nel frattempo, il vaccino antinfluenzale è ben consolidato.
Il coronavirus quindi se diventa veramente globale (diffondendosi al di fuori della Cina), potremmo vedere alcuni risultati devastanti, per fortuna, gli sforzi per contenere la malattia sono stati abbastanza efficaci.
Sandra López Vergès, virologa del Gorgas Memorial Research Institute for Health Studies di Panama, ha detto:
«La risposta allo scoppio è stata rapida, così come lo sviluppo di strumenti diagnostici. Inoltre, le misure di contenimento sono state molto forti rispetto ad altri focolai».
La buona notizia è che il numero di casi di coronavirus sembra rallentare. Potrebbe non passare molto tempo prima di raggiungere il picco di coronavirus e se le misure di contenimento hanno effettivamente avuto successo, vedremo il numero di casi diminuire sempre di più.

Il coronavirus può diventare stagionale come l’influenza?
Il solo pensiero di avere focolai stagionali di coronavirus è terrificante, ma è troppo presto per dire quanto è probabile o se può accadere. López Vergès spiega che con un virus emergente come il Covid-19 (com’è stato denominato il virus coronavirus), esistono due possibilità di stagionalità:
«1. Il virus è controllato nella popolazione umana, ma può rimanere nel suo ciclo zoonotico e potrebbe riemergere ad un certo punto in futuro (come Sars o Mers).
2. La sua trasmissione da uomo ad uomo diventa sufficiente in modo da poter diventare endemica o stagionale come l’influenza o gli altri coronavirus che inducono il raffreddore comune.
È del tutto possibile che il virus diventi stagionale in un modo o nell’altro (la seconda opzione è molto più minacciosa), ma dipenderà da dati che non sono ancora disponibili».
Inna Ricaro-Lax, dipartimento virologia e malattie infettive alla Rockefeller University, ha detto:
«È ancora presto per dirlo. Il motivo principale per cui l’influenza è stagionale è perché le proteine virali riconosciute dal nostro sistema immunitario mutano rapidamente, in altre parole, ciò che il nostro sistema immunitario ha appreso in un anno precedente potrebbe non essere rilevante quest’anno, e quindi ogni anno si verifica una nuova ondata d’infezioni da influenza».
Il coronavirus Covid-19 stagionale è un problema, sarebbe molto peggio di un comune raffreddore che può anche uccidere, ma le probabilità che il coronavirus Covid-19 diventi  più pericoloso per la vita sono maggiori.
C’è anche la questione della reinfezione, come la maggior parte delle persone che hanno avuto l’influenza, può essere presa più di una volta. La stessa cosa sembra accadere con altri coronavirus esistenti, solo perché una volta hai avuto la malattia non significa che sei immunizzato contro di essa. Ciò potrebbe finire per svolgere un ruolo importante nell’evoluzione a lungo termine del virus.
Inna Ricaro-Lax ha aggiunto:
«Non siamo ancora sicuri di come il nostro sistema immunitario riconosca il coronavirus Covid-19, come queste proteine virali stiano mutando nel tempo e se l’infezione lasci un’immunità duratura in una persona nel caso fosse stata infettata solo una volta nella vita. Tutto ciò determinerà se il coronavirus Covid-19 ha il potenziale per diventare stagionale».
L’influenza per ora è una malattia più generale che infetta milioni di persone ogni anno e uccide centinaia di migliaia, ma è il male che conosciamo. Il coronavirus è ancora una minaccia in corso, non sappiamo quanto sarà un male, non sappiamo se diventerà stagionale, non sappiamo nemmeno se riusciremo a contenerlo o no. Se si diffonde tanto quanto l’influenza, sarà devastante. Sappiamo che il coronavirus Covid-19 è molto contagioso, ma non è ancora chiaro se sia tanto contagioso quanto l’influenza.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →