I girini radioattivi aiutano a monitorare la contaminazione ambientale

Le nuove ricerche degli scienziati dell’Università della Georgia hanno evidenziato che in ambienti acquatici i girini possono essere utilizzati per misurare la quantità di radiocesio un materiale radioattivo.
I girini che si tratti d’incidenti nucleari, di ricadute globali da test sulle armi o di produzione di energia nucleare, potrebbero essere utilizzati per determinare la portata e la gravità della contaminazione radioattiva.
James C. Leaphart, ricercatore capo dello studio presso il Laboratorio ecologia di Savannah River un’unità di ricerca dell’Università della Georgia, ha valutato la velocità con cui il radiocesio, un sottoprodotto della produzione nucleare, si è accumulato nel tempo nei girini della rana toro (l’anfibio con una lunghezza che può arrivare a 20 cm e un peso che può superare il mezzo kg, è, di fatto, uno degli anfibi viventi più grandi che si conoscano).
I girini prelevati da una zona umida incontaminata, sono stati collocati in varie località in un canale sulla Savannah River sito del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, un ex impianto di produzione nucleare. Il canale dal 1954 al 1964 ha ricevuto emissioni di radiocesio da un vicino reattore.
James C. Leaphart ha detto:
«A causa del rapido accumulo di radiocesio in questi girini e della loro incapacità di lasciare i sistemi acquatici prima della metamorfosi, sono eccellenti indicatori della biodisponibilità e della distribuzione del radiocesio nel sistema».
I girini di rana toro secondo i risultati dello studio, pubblicato sullo Journal of Environmental Radioactivity, hanno raggiunto quello che i ricercatori descrivono come la soglia massima, o il punto in cui la loro assunzione del contaminante si è fermata, tra gli 11 e 14 giorni.
James C. Leaphart ha aggiunto:
«Questo tasso di accumulo è stato significativamente più veloce di quello registrato per gli uccelli acquatici e i pesci, specie in precedenza studiate per l’assorbimento del contaminante. I tassi di queste specie variavano in modo rilevante, con un intervallo di 17-175 giorni».
James Beasley professore associato presso la Warnell Scuola forestale e risorse naturali, consigliere di James C. Leaphart ha detto:
«Una specie quanto velocemente raggiunge la soglia di accumulo è vitale nel determinare il suo utilizzo come biomonitor del contaminante. Se ci vuole molto tempo per raggiungere il livello di soglia, i fattori come il movimento degli animali e i cambiamenti nella dieta possono giocare un ruolo importante nell’influenzare i risultati.
I girini hanno maggiori probabilità di riflettere i livelli di contaminazione locale, questo perché fattori come il movimento e i cambiamenti nella disponibilità di cibo non avranno un impatto sull’esposizione di un individuo rispetto a quelle specie che possono richiedere diverse settimane o mesi per raggiungere i livelli massimi».
James C. Leaphart in conclusione ha detto:
«La chiave è l’isolamento, i girini trascorrono la prima parte della loro vita in sistemi acquatici – canali, zone umide e stagni – dove si nutrono di alghe, larve d’insetti in sedimenti dove il radiocesio ha la tendenza a legarsi.
La comprensione dei modelli di accumulo del radiocesio negli anfibi è importante perché dopo la metamorfosi hanno il potenziale per trasferire i contaminanti all’interno delle reti alimentari così come disperdere i contaminanti acquatici negli ecosistemi terrestri».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →