ClimateViewer, monitorizza l’inquinamento ambientale su Google Earth

ClimateViewer 3D utilizza un plug-in di Google Earth per monitorare i cambiamenti climatici e l’inquinamento ambientale in tutto il mondo. L’applicazione include un gran numero di situazioni che possono essere visualizzate su una mappa di Google Earth. I dati includono i livelli d’inquinamento, meteo, satelliti, avvisi di emergenza, servizi, news.
Il livello d’inquinamento comprende i dati dall’Environmental Protection Agency, evidenziano i dieci più radioattivi luoghi sulla Terra.

Jim Lee è il creatore di ClimateViewer e ClimateViewer 3D (vedi). Ha scritto:
«Sulla scia del disastro nucleare di Fukushima-Daiichi nel marzo del 2011, ho smesso di giocare con i videogiochi per dedicare il mio tempo libero a studiare la letteratura scientifica in un vano tentativo di trovare i fatti principali riguardanti il tracollo. Ho aperto un blog, ho scelto il soprannome di “rezn8d” per proteggere la mia identità.
Nel corso del 2011 ho cominciato a soffrire di una dipendenza da paura online, una sensazione di agitazione e ansia causata dalla presenza o dall’imminenza del pericolo causato dalle notizie, culminato in uno stato di quasi panico per il passaggio della Cometa Elenin tra la Terra e il Sole, quando molte “fonti attendibili”, affermavano che avrebbe generato un’eruzione solare causando sulla Terra danni incalcolabili e la perdita di vita umana. Naturalmente il 26 settembre 2011 non è successo niente.  Ero impotente e sciocco. Mi sono chiesto perché ero stressato per essere stato ingannato così facilmente da qualcosa che è iniziato come un hobby. La risposta è arrivata quando un mio amico mi ha segnalato un articolo intitolato “The Anatomy of Slavespeak”, dove è spiegato in un modo molto realistico come siamo controllati dalle parole e la paura.
Non mi rendevo conto delle bandiere rosse della disinformazione creata con manipolazioni ingannevoli, deliberatamente fuorvianti. Ho capito con qualche ulteriore studio sulla materia della parola di controllo, che in quasi ogni singola categoria della società, ci sono mali che non possono essere superati a causa della gestione delle percezioni tecniche controllate da società ricche, enti e individui.
E’ arrivata per me la necessità di impiegare le tecniche appena apprese nel tentativo di eseguire le seguenti operazioni:
– non lasciare che la mia vita fosse nuovamente regolata dalla paura;
– educare gli altri su pubbliche relazioni tecniche usate contro i loro interessi, la salute e la privacy;
mappare i luoghi inquinati in tutto il mondo, raccogliere dati su persone colpite, utilizzare tali fatti per combattere le tecniche destinate a proteggere i trasgressori;
– sensibilizzare l’uso di tecnologie per il monitoraggio e la simulazione; evidenziare il silenzio degli attivisti che tentano di cambiare la nostra attuale situazione disastrosa.
Mi sono reso conto nel 2012 che i miei tentativi di raggiungere le persone sul web, era stata ostacolata dal mio soprannome. Nascondermi dietro l’anonimato è stata un’altra paura che ho dovuto superare. Ho lasciato il soprannome di rezn8d e mi sono presentato come Jim Lee, il mio vero nome. 
Io sono un uomo di trentasei anni, di Sumter, South Carolina, sede della Shaw Air Force Base e Giardini del Lago dei Cigni. Ho una bella moglie e una figlia, siamo poveri, ma siamo felici. Sono un autodidatta, progettista di pagine web, grafica, amante della musica. Parlo pubblicamente dell’inquinamento e la privacy. Parlo anche in nome degli alberi.
Negli ultimi tre anni ho affinato la mia codifica e la capacità di ricerca, quello che era un hobby è diventato uno stile di vita. Pertanto, ho intenzione di rimuovere il contenuto dei miei precedenti siti web (rezn8d.net, rezn8d.com, e terraforminginc.com) e dedicare la mia attenzione a rendere climateviewer il più accurato luogo informativo per individuare l’inquinamento e la privacy di notizie correlate.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento