Il corpo umano dopo i 13 anni smette di produrre nuove cellule cerebrali di apprendimento

La regione del cervello umano che ospita la memoria e l’apprendimento intorno all’età di 13 anni, sembra smettere di produrre cellule nervose. La scoperta mette in discussione l’opinione diffusa che la regione dell’ippocampo del cervello continua a generare neuroni (trasmettono informazioni attraverso segnali chimici ed elettrici), fino all’età adulta negli esseri umani, come in altri mammiferi. I neuroni sono le cellule che consentono agli animali di reagire al loro ambiente trasferendo i dati da stimoli esterni come un odore o un suono al sistema nervoso centrale, e da lì a muscoli e ghiandole per rispondere in modo appropriato.
Alcune ricerche avevano suggerito che ogni giorno nell’ippocampo umano fossero creati centinaia di neuroni, si pensava che trovare il modo per aumentare tale neurogenesi potesse aiutare ad affrontare la degenerazione cerebrale legata all’età.
Arturo Alvarez-Buylla dell’Università della California a San Francisco, co-autore dello studio ha detto:
«Guardando i campioni di cervello di 59 adulti e bambini, non abbiamo trovato prove di giovani neuroni o progenitori divisori di nuovi neuroni negli ippocampi di persone di età superiore ai 18 anni. Alcuni sono stati trovati in bambini alla nascita e nel primo anno di vita, altri intorno ai sette e non oltre i tredici anni» (vedi immagine).
Lo studio pubblicato nella rivista scientifica Nature mostra che l’ippocampo umano è in gran parte generato durante lo sviluppo  fetale del cervello.

cellule cerebrali

Polemica
Hanno trovato alcuni neuroni di nuova creazione in diversi frammenti del cervello chiamati ventricoli, ma hanno detto che altre regioni devono ancora essere esplorate per determinare se la neurogenesi avviene o no.

Jason Snyder neuroscienziato dell’Università della British Columbia, in un intervento riportato da Nature, ha detto:
«I risultati dello studio devono far riflettere, queste scoperte sono certe per suscitare polemiche, dovrebbero essere confermate da altri ricercatori.
Basandosi su diversi studi c’era stato un consenso generale sul fatto che l’ippocampo fosse una regione in cui la neurogenesi dell’adulto (la produzione di neuroni) esiste negli umani come negli animali».
Gli autori dell’ultimo studio hanno detto che precedenti ricerche potrebbero aver erroneamente riportato la scoperta di nuovi neuroni ippocampali, poiché negli animali la proteina utilizzata per rintracciarli non funziona allo stesso modo negli esseri umani.
L’ippocampo è stato anche collegato all’umore, allo stress e ad alcune malattie neurologiche negli esseri umani.
La neurogenesi degli adulti è stata osservata negli ippocampi di roditori e scimmie. E’ noto che non avviene nei cetacei – il gruppo che comprende delfini, focene e balene.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento