Gli esseri umani hanno già prodotto 9 miliardi di tonnellate di plastica

Nel film “Il Laureato” del 1967, un amico di famiglia dà al protagonista appena laureato un iconico consiglio: “Solo una parola … plastica. C’è un grande futuro nelle materie plastiche“.
Quel consiglio non avrebbe potuto essere più preveggente, il mondo prima del 1965 non aveva mai visto un sacchetto di plastica, ora ne è sommerso. Gli scienziati per la prima volta hanno calcolato quanta plastica è stata prodotta dagli umani nella loro storia, una cifra incredibile: più di 9 miliardi di tonnellate.
La stima deriva da uno studio pubblicato il 19 luglio 2017 nella rivista Science Advances, evidenzia che dal 1950 la produzione di materie plastiche è cresciuta a un tasso annuo dell‘8,4 per cento: in tutto il mondo nello stesso anno erano stati prodotti 2 milioni di tonnellate di materie plastiche, entro il 2015, gli esseri umani hanno stravolto la situazione con più di 400 milioni di tonnellate di plastica. Incredibilmente, la metà della plastica esistente è stata prodotta negli ultimi 13 anni. Un vero futuro in materia plastica.
Roland Geyer, professore associato all‘Università della California, Santa Barbara, primo autore dello studio, ha detto:
«E’ difficile rendersi conto di cosa significhi 9 miliardi di tonnellate di plastica, è circa 25.000 volte il peso dell’Empire State Building, o quello di 80 milioni di balene blu. Ho calcolato che per spalmare 9 miliardi di tonnellate di plastica fino all’altezza delle caviglie, occorrerebbe un’area delle dimensioni dell’Argentina, o quasi quattro volte la dimensione del Texas.
La maggior parte di questa plastica finisce nelle discariche. La plastica rispetto ad altre sostanze prodotte in massa, è usata una volta o per un breve periodo e poi gettata via. A oggi, gli esseri umani hanno spazzato 7 miliardi di tonnellate di rifiuti di plastica, di cui solo il 9% è stato riciclato, il 12 per cento è stato incenerito, mentre il 79 per cento è finito nelle discariche o nell’ambiente, in particolare nell’oceano. L’uomo al tasso attuale, entro il 2050 produrrà 13 miliardi di tonnellate di rifiuti di plastica.
L’umanità sta producendo una quantità incredibile di materie plastiche, più di quanto immaginato, continua a incrementare la produzione. Non siamo molto bravi a trattare con i rifiuti».

Materie plastiche: più produzione, meno riciclo
Lo studio ha analizzato la produzione di tutte le materie plastiche, focalizzato sulle più comuni resine, tra cui il polietilene, il polipropilene, il polistirene, il polivinilcloruro e il tereftalato. La stragrande maggioranza delle materie plastiche proviene da idrocarburi come il petrolio e il gas naturale.
Barbara Reck dell’Università Yale, scienziata di ricerca di alto livello, non coinvolta nello studio ha detto:
«Gli autori illustrando quanta plastica abbiamo già prodotto e il poco che è stato riciclato o incenerito, forniscono una base necessaria per trattare il problema: lanciare la sfida alla plastica che si accumula in natura e potenzialmente interferisce gli ecosistemi naturali».
Tom Graedel suo collega alla Yale, ha aggiunto:
«Possiamo limitare l’impatto facendo un migliore lavoro di raccolta e riutilizzo della plastica, ciò è difficile, data l’attuale situazione politica ed economica, in cui la produzione di plastica vergine è più economica del riciclo e riutilizzo, iniziative che ricevono un piccolo incentivo».
Roland Geyer in conclusione ha detto:
«I dati che riguardano la produzione di plastica schiacciano la mente, ad esempio, nel 2016 in tutto il mondo sono state vendute bevande in più di 480 miliardi di bottiglie di plastica, con un incremento decennale del 300%.
Gli studi continuano a trovare sempre più plastica in fonti d’acqua dolce e nell’oceano. Per esempio, nel 2010 sono state stimate nell’oceano da 4 a 13 milioni di tonnellate di plastica, un numero destinato ad aumentare. Un altro studio ha evidenziato che ci sono 270.000 tonnellate di plastica galleggianti sulla superficie dell’oceano e molto di più sul fondo del mare.
Poiché le materie prime per produrre la plastica costituiscono solo una piccola percentuale d’idrocarburi globalmente prodotti, non c’è “nessuna possibilità” in tempi brevi di non avere la plastica, volendo potremmo facilmente utilizzarla per coprire più volte la Terra».