Scoperta piccola specie di pipistrelli immuni al mortale veleno dello scorpione che può uccidere gli esseri umani

Il piccolo pipistrello pallido (Antrozous pallidus) è immune al veleno dello scorpione corteccia dell’Arizona, tra i più pericolosi in Nord America, ha un potente veleno, la sua puntura negli anziani, negli individui con il sistema immunitario debilitato, può rivelarsi fatale. Può uccidere rapidamente un bambino se in tempo utile non è somministrato il farmaco antiveleno.
Il pipistrello pallido (lungo circa 8 cm, pesa fino a 25 g., vive lungo la costa occidentale del Canada meridionale, negli Stati Uniti, in Messico, si trova anche a Cuba) è in grado di sopravvivere a una dose di veleno che può paralizzare o uccidere un essere umano.
Gli scienziati ora hanno scoperto il meccanismo che dà ai pipistrelli pallidi la loro incredibile resistenza, hanno pubblicato i risultati dello studio nella rivista Plos One.
La resistenza del pipistrello pallido risiede nelle alterazioni dei canali coinvolti nel rilevare il dolore dei nervi spinali, questi canali permettono il trasporto di ioni dentro e fuori dalle cellule. Mediante il flusso di ioni di sodio, possono trasmettere segnali elettrici al cervello per inviare un segnale di “dolore”. Il veleno dello scorpione mira a questi canali ionici per inviare forti segnali di dolore al cervello.
Le diverse mutazioni in questi canali del pipistrello pallido rendono indolore il veleno dello scorpione. Khaleel Razak e Bradley Hopp dell’Università della California, autori dello studio hanno detto:
«Le diverse mutazioni in questi canali del pipistrello pallido rendono indolore il veleno dello scorpione. Sappiamo che i canali di ioni di sodio a toni di tensione sono importanti per generare i segnali neurali che percepiamo come dolore. Oltre a rivelare una nuova risposta evolutiva al veleno dello scorpione, il nostro studio ha evidenziato come questi recettori sono coinvolti nella risposta del dolore negli esseri umani, ciò potrebbe aprire la strada a nuovi tipi di antidolorifici.
Speriamo di identificare come il pipistrello pallido ha modificato questi canali per ridurre il dolore, per vedere se questo processo può essere farmacologicamente imitato».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento