Il Giorno della Memoria nell’attuale clima politico globale

Le Nazioni Unite hanno dichiarato il 27 gennaio Giorno della Memoria per commemorare le vittime del genocidio perpetrato dal regime nazista e dei suoi collaboratori tra il 1933 e il 1945.
Alice Herscovitch, direttore esecutivo del Memorial Centre Montreal Holocaust ha risposto alle domande della Gazzetta di Montreal sull’importanza di questa giornata di riconoscimento nell’attuale clima politico globale.

L’Olocausto è accaduto più di 70 anni fa nella Germania nazista e territori occupati dai tedeschi, per alcuni, può sembrare un periodo lontano, perché si dovrebbe ricordare questo terribile evento?

Alice Herscovitch – L’Olocausto è accaduto agli ebrei. E’ stato un genocidio perpetrato contro gli ebrei, ma è una questione che riguarda tutti gli esseri umani ed è diventato un simbolo della negazione dei diritti umani nella sua forma estrema. Purtroppo abbiamo visto genocidi prima dell’Olocausto e certamente dopo. Il nostro è un museo dell’Olocausto ma gran parte del lavoro che facciamo è quello di garantire che la gente capisca che questo è ancora un problema contemporaneo, le persone sono ancora uccise a causa di quello che sono, nelle nostre società tutti abbiamo una responsabilità individuale e collettiva per proteggere chi è più vulnerabile.

Perché è importante ascoltare i sopravvissuti all’Olocausto?

A. E’ gente che ha vissuto l’Olocausto, una delle ragioni per cui siamo stati in grado di contrastare la negazione della Shoah in tutto il mondo è che tanti sopravvissuti hanno raccontato le loro storie. Ovviamente non tutti sono convinti, ma è molto difficile quando si vede un sopravvissuto pensare che stia inventando questa storia sulla sua famiglia. In momenti come questo abbiamo maggior bisogno di loro.

La negazione dell’Olocausto è qualcosa che riguarda settori marginali?

A. E’ cambiata, c’è meno negazione pseudo-scientifica, ma a causa del social media, in totale anonimato ci sono persone che lasciano commenti sull’Olocausto, in parte sono per la negazione, altri sono solo antisemita, ma i fatti dicono che l’Olocausto è accaduto. Milioni di ebrei sono stati uccisi. Centinaia di migliaia di rom sono state uccise. I Testimoni di Geova sono stati perseguitati. Gli omosessuali sono stati perseguitati e uccisi. Sappiamo che questi sono fatti. Una volta che s’inizia a metterli in discussione, dove si finisce?

Il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump che utilizza “fatti alternativi” (così chiamati dal suo team) per aumentare la sua popolarità con posizioni anti-immigrati e pro – America, sembra stia cambiando il clima negli Stati Uniti e in una certa misura in Canada, le persone più influenzabili da questi atteggiamenti, apertamente sono maggiormente incoraggiate a esprimere la xenofobia e il razzismo. E’ preoccupante?

A. Sì, la comunità è preoccupata. Ogni comunità è preoccupata, abbiamo già visto simili esempi, Trump non ha inventato nulla di nuovo, questo tipo di distorsione della verità, per usare il termine “fatti alternativi” è una pista scivolosa, soprattutto quando è utilizzata per mobilitare le persone contro altre persone. I leader mondiali, con il nuovo Trump stanno facendo questo, parlare con passione di persone che in qualche modo sono private dei diritti civili e danno loro la speranza che diffondendo l’odio riceveranno ciò cui hanno diritto, è incredibilmente pericoloso.

Vedete analogie con ciò che sta accadendo ora negli Stati Uniti e in altri paesi, e ciò che è accaduto in Germania negli anni precedenti l’Olocausto?

A. I leader quando prendono le minoranze come capro espiatorio per i problemi nella società, e manipolano le persone a credere che loro vita cambierà in meglio con l’eliminazione di un intero gruppo di persone, dimostrano che il genocidio non accade per caso durante la notte. Si tratta di un fenomeno in cui ci sono molti passi, i primi sono legati ai pregiudizi di base, i tedeschi hanno fatto sentire che una piccola minoranza di ebrei stava usurpando la loro ricchezza, i loro legittimi ruoli. I leader mondiali quando utilizzano iperbole per delegittimare gruppi di persone, come i rifugiati, musulmani, ebrei, cosa succede? Si tratta di uno dei più importanti, fondamentali passi verso lo stato di persecuzione, come abbiamo visto nel caso della Germania attraverso le leggi di Norimberga, con l’omicidio di massa, le atrocità di massa e poi il genocidio. Non sto dicendo che ci sarà un genocidio negli Stati Uniti, ma siamo in una continua situazione che tende a muoversi in questa pericolosa situazione.

In conclusione, come può aiutare questo Giorno della Memoria?

A. La speranza è che le persone potranno conoscere la storia dell’Olocausto, apprendere e riflettere sulla vita di oggi, per lavorare contro il pregiudizio, l’odio e il bigottismo, perché, purtroppo, sono tutti presenti nella nostra e in tutte le società.