Fertilità – Sviluppato un kit, permette agli uomini di utilizzare il cellulare per contare il numero di spermatozoi

Una società giapponese ha sviluppato un kit che permette agli uomini di utilizzare i loro cellulari per verificare il numero di spermatozoi nella comodità della propria casa. Il kit, denominato Seem, mira a trasformare gli aspiranti papà in scienziati, utilizzando la fotocamera del proprio smartphone possono controllare il numero e l’attività del proprio sperma.
Il problema del rapido declino della popolazione del Giappone ha spinto gli sviluppatori a inventare l’applicazione per eliminare l’imbarazzo provato da molti uomini giapponesi che sono riluttanti ad andare in una clinica per il controllo del loro sperma.
Il kit per il test dello sperma costa 50 dollari, al suo interno ha una lente del microscopio e un contenitore. La lente s’inserisce sulla fotocamera di uno smartphone, gli uomini possono mettere una goccia del loro sperma sulla lente, registrare un video per farlo analizzare da un’applicazione sul cellulare.
Ryo Irisawa, sviluppatore dell’applicazione ha detto:
«Ci vogliono circa uno o due minuti per inviare il video e ottenere il risultato quindi è davvero facile fare un controllo. L’applicazione analizza il movimento degli spermatozoi sulla fotocamera poi dà una lettura sulla mobilità e la concentrazione. Mostra i dati anche in forma grafica, per cui un uomo può controllare il numero dei suoi spermatozoi con le medie stabilite dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).
Abbiamo sviluppato questo servizio in modo che le coppie che stanno cercando di concepire o uomini sposati che vorrebbero avere figli in futuro possano facilmente verificare il proprio numero di spermatozoi».

Tassi di natalità giapponese ai minimi storici
Vi è una carenza di bambini nati in Giappone, i tassi di natalità sono ai minimi storici, l’invecchiamento della popolazione è a livelli record. Molte coppie giapponesi pianificano di avere bambini al più tardi nella vita, proprio quando per l’età avanzata la sterilità diventa un problema crescente.
Il Dipartimento di Sanità del Giappone rileva che il maschio è sterile in quasi la metà delle coppie che cercano il trattamento per l’infertilità.
Ryo Irisawa ha aggiunto:
«Gli uomini spesso sono imbarazzati quando da soli devono andare in una clinica, mentalmente è un grande ostacolo raccogliere il loro sperma per ottenere un test. In realtà, non molti uomini vanno in clinica per fare il test, per cui il kit Seem può rendere tutto più facile perché può essere fatto tranquillamente a casa».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento