Boom economico cinese pagato a caro prezzo, ogni due minuti un cinese si suicida

La Cina ha il più alto indice di suicidi al mondo, in media, un suicidio ogni due minuti, un triste record raggiunto mentre la potente nazione si prepara a celebrare il trentennale della riforma economica.

 Il dott. Huo Datong, psicanalista, uno tra i primi a praticare in Cina, spiega:
“Con le riforme, la società cinese è diventata più complicata, l’individualismo più marcato ha aggravato notevolmente i problemi psicologici.
La Cina, quando è iniziata la riforma nel 1978, è stata attraversata da enormi sconvolgimenti che hanno minato la psiche dei suoi 1,3 miliardi di persone”.
L’analisi degli esperti sul tema delle riforme, ha rilevato che la società è stata sradicata coinvolgendo la struttura tradizionale della famiglia che si è disintegrata a livello di rapporti sociali, con il singolo individuo sottoposto ad immenso stress.
In una sola generazione, la millenaria civiltà cinese si è dedicata quasi esclusivamente alla rincorsa del profitto, con profonde conseguenze.


Anziani abbandonati
In un paese in cui tre o addirittura quattro generazioni vivono sotto lo stesso tetto, gli anziani sono stati abbandonati (in passato, un crimine  considerato quasi impensabile) così come i figli dei migranti rurali, lasciati in casa mentre i genitori vanno a lavorare in città.
Il dott. Huo Datong, aggiunge:
“Vediamo più pazienti in ospedali psichiatrici, sono lì perché lo sviluppo economico ha dissolto i  vecchi legami di famiglia, le persone vivono più isolate.
La spinta economica, ha creato opportunità senza precedenti per l’istruzione, il tempo libero e i viaggi. Ciò ha invogliato un gran numero di persone a conquistare la scala sociale.

Il triste record della Cina, quello dei suicidi
Uno spaventoso senso d’insicurezza ha fatto soccombere molti cinesi.
In passato, il partito comunista disciplinava la vita di tutti, garantendo il riso in una “ciotola di ferro“, un sostegno pubblico che accompagnava i cinesi dalla culla alla tomba. Ora nulla è più garantito, molti cinesi hanno perso il loro appiglio.
La Cina – secondo fondi mediche – con 250.000, 300.000 suicidi l’anno, rappresenta un quarto del totale mondiale dei suicidi. E’ l’unico paese al mondo dove la percentuale dei suicidi femminili (58% del totale), è più alta di quella maschile.
Le donne che vivono nelle zone rurali sono particolarmente a rischio, stressate dal lavoro nei campi, l’assistenza ai genitori e la cura per i loro figli.
Zhang Chun, responsabile di una rete di prevenzione dei suicidi, nella zona orientale della città di Nanchino, ha detto:
“Le persone sono diventate più fragili, disorientate da rapidi mutamenti sociali, dallo scontro tra il moderno ed i valori tradizionali, hanno perso l’equilibrio mentale. Ora, molti tentano di riconquistarlo con la corsa al denaro“.
La Cina, nel momento in cui ha raggiunto il quarto posto nel mondo come potenza economica, inorgogliendo molti cinesi, ha visto incrementare il suicidio, diventato la principale causa di morte nella fascia d’età tra i 15 ed i 34 anni.
La Cina è una delle poche nazioni dove i suicidi sono più frequenti in campagna che in città. Yang Qing, professore di psicologia presso l’Università di Shenzhen, spiega:
“Il numero dei suicidi nelle zone rurali è di tre, quattro volte, superiore a quello che si riscontra nelle città.
I cinesi presi nel mezzo da situazioni spesso contraddittorie come quelle del comunismo, del confucianesimo e del capitalismo, non sanno più dove cercare il loro punto di riferimento“.
Zhu Wanli, psicologo nella città di Chongqing, aggiunge:
In Cina, non è come in Occidente dove la maggior parte delle persone ha una fede religiosa, i cinesi, specialmente i giovani, non hanno nessuna religione, se vanno nei templi ad accendere l’incenso, lo fanno per un pio motivo, quello di ingraziarsi il denaro“.
 
Fonte :  NewsCom
, , , , , ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

1 thought on “Boom economico cinese pagato a caro prezzo, ogni due minuti un cinese si suicida

  1. A volte, troppo ARRICCHIMENTO in modo rapido porta gli esseri umani a perdere i propri valori interiori e i danni,prima opi, si vedono!!!!!!!

    Ti saluta l’assistente tecnico con la passione per il RI/CREAERE!!!!!!!!

    SaccheggiatorCortese

Lascia un commento