Bambina di sette anni, nata senza mani, vince il premio nazionale di calligrafia

Annie Clark, ha sette anni, è nata senza mani, ha vinto il Premio Speciale Nicholas Maxim, un concorso nazionale di calligrafia negli Stati Uniti.
Annie Clark, vive nella città di Pittsburgh in Pennsylvania, ha ricevuto un trofeo e un premio di 1.000 dollari dallo sponsor del concorso,  Zaner-Bloser, casa editrice di libri di testo.
Annie Clark, dopo aver ricevuto il premio, ha preso abilmente una matita tra gli avambracci per mostrare al pubblico la sua abilità di scrittura.
Laura Erb, la sua maestra, ha detto:
“Annie è una bambina che si applica nello studio, coscienziosa, si sforza davvero per la perfezione, è molto determinata, in qualsiasi tipo di scrittura, vuole assicurarsi che sia chiara, nel lavoro ci mette tutto il suo orgoglio. Annie, impara tutto velocemente, in classe, nonostante la sua disabilità, utilizza anche le forbici e la colla. Ha imparato a vestirsi da sola, a mangiare, nuotare, andare in bicicletta. Eccelle anche in matematica”.
Zaner-Bloser, il concorso nazionale di scrittura è giunto alla ventunesima edizione, è un evento annuale nato per promuovere la bella calligrafia nella scuola elementare.
Il concorso del 2012, include una nuova categoria per studenti disabili, richieta dai giudici che l’anno scorso sono rimasti impressionati  dall’abilità di calligrafia di Nicholas Maxim, un alunno di quinta elementare nato senza mani e avambracci.
Gli studenti per partecipare al concorso, possono presentare un manoscritto in stampa o in corsivo. Annie ha vinto il concorso manoscritto. Sul suo modulo d’iscrizione, ha scritto: “The quick brown fox jumps over the lazy dog” (La veloce volpe bruna salta sul cane pigro). La frase in lingua inglese è un pangramma, vale a dire una frase che contiene tutte le lettere dell’alfabeto inglese, grazie alla sua brevità e coerenza è diventata nota per essere utilizzata per testare le macchine da scrivere, le tastiere dei computer e in altre applicazioni dove sono coinvolte tutte le lettere dell’alfabeto inglese).
Tom e Mary Ellen Clark, sono i genitori di Annie, hanno tre figli biologici e sei figli adottati dalla Cina, tra questi  Annie.
Mary Ellen Clark, la mamma, intervistata dal Pittsburgh Post-Gazette, ha detto:
Annie l’abbiamo adottata quando aveva due anni. E’ dolce, amorevole, ha aggiunto tanto alla nostra famiglia. L’adoriamo, non possiamo immaginare la vita senza di lei.
Annie nel corso della premiazione è stata sorpresa nell’apprendere di aver vinto. Ho visto che era emozionata quando è salita sul palco per ricevere il trofeo, poi ho visto il suo sorriso, ho capito che si stava godendo il momento”.
La determinazione di Annie non si ferma qui, secondo la sua insegnante ha grandi sogni, vuole diventare scrittrice.
La mamma Mary Ellen Clark, ha aggiunto:
“Questo premio le ha dato una grande fiducia, lei è orgogliosa, noi, come genitori, siamo entusiasti di questo”.

,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento