La quantità di sale nel cervello determina i cicli del sonno

Il professor Maiken Nedergaard del Centro Neuroscienze Traslazionali presso l’Università di Copenhagen ha detto che questa informazione potrebbe rivelarsi molto utile nello studio delle malattie psichiatriche come la schizofrenia, lo stato confusionale che alcune persone soffrono dopo aver ricevuto l’anestesia e altri problemi di salute legati alla mancanza di sonno.
La quantità di sale nel nostro corpo cambia a seconda che stiamo facendo un pisolino o iniziare la nostra giornata, i ricercatori sono in grado di mostrare questi cambiamenti. Lo studio di Copenhagen dimostra che quando i livelli di sale sono influenzati all’interno dei topi, i loro cicli sonno-veglia possono essere manipolati. Il professor Maiken Nedergaard chiama questa scoperta rivelatrice, aggiunge un nuovo elemento per la comprensione di come esattamente funziona il cervello. Ciò offre la comprensione di come il sonno è controllato ed anche che cosa può indurre a cambiare i modelli nel sonno.
Le nuove informazioni contribuiranno a portare avanti la comprensione degli individui che nel dormire poco soffrono di stanchezza, mancata attenzione, ecc., mentre altri possono perdere ore di sonno e continuare a svolgere la normale attività per prolungati periodi.
I neuromodulatori giocano un ruolo importante nella scelta di quando il nostro corpo rimane addormentato e quando “decide” di svegliarsi. L’adrenalina per esempio è un neuromodulatore, ha dimostrato di modificare la quantità di sale situata intorno ai neuroni. L’equilibrio del sale in realtà decide se il nostro sonno sarà disturbato da un tocco o, un suono: quando il corpo è sveglio, l’equilibrio del sale rende i neuroni molto sensibili a tutti i tipi di stimoli. I livelli di sale durante la notte cambiano ciò rende molto più difficile l’attivazione dei neuroni. La differenza tra l’attivazione e la mancanza di attività induce una persona a risvegliarsi o rimanere rilassata.
Il professor Maiken Nedergaard ritiene che il problema con la precedente ricerca fatta sul cervello sia l’unico obiettivo sull’attività neurale, questa dovrebbe essere monitorata, mappata e valutata al fine di comprendere gli stati complicati di funzionamento del cervello. Il suo studio dimostra che i neuroni non sono l’unica cosa che deve essere guardata per capire meglio come funziona la mente umana e quali sono le cause che modificano uno stato di coscienza dall’altro. Il professore vuole vedere una maggiore attenzione posta sulle cellule che svolgono un ruolo di supporto, come ad esempio gli astrociti, queste cellule effettivamente regolano i livelli di sale in tutto il cervello.
Maiken Nedergaard in conclusione ha rilevato l’importanza di considerare il cervello oltre un computer perché ogni giorno un computer non richiede ore di riposo per funzionare correttamente il giorno seguente. Abbiamo bisogno di sapere molto di più di un semplice calcolo effettuato dai neuroni al fine di ottenere una visione completa del cervello e ciò che lo rende così particolare.
I ricercatori dell’Università di Copenaghen hanno pubblicato su Science Journal questo nuovo studio chiamato “I cambiamenti nella composizione del cervello ioni interstiziali controllano il ciclo sonno-veglia”.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...