Ti piace fotografare? Non sottovalutare la tua foto, in esclusiva può valere diciottomila dollari (foto)

Allen Ayres, texano, fotografo, recentemente è stato contattato da un’agenzia pubblicitaria che voleva usare una delle sue fotografie di matrimonio (vedi foto) per un proprio cliente del settore farmaceutico. Ayres aveva in mente di vendere la foto per 1.000 dollari, ma saggiamente ha chiesto un consiglio al Digital Wedding Forum.
La sua richiesta è stata notata da John Mireles, un fotografo di matrimoni, in campo fotografico, esperto su questioni commerciali, consultazioni sul valore della fotografia, argomenti che tratta sul sito AKA The Photographer’s Business Coach.
John Mireles, ha contattato Allen Ayres per suggerirgli di chiedere all’agenzia in che modo intendeva utilizzare la sua foto, in base a questi aspetti:
– la dimensione della fotografia;
– la natura della pubblicazione;
– la zona geografica;
– la durata dell’utilizzo;
– l’esclusività dell’utilizzo.
John Mireles, dopo aver appreso che l’immagine sarebbe stata utilizzata in esclusiva in una serie di annunci in campo medico, sia in stampa e on-line, ha detto a Mireles Ayres di chiedere la somma di 15.000 dollari.
L’agenzia, in risposta, non solo ha valutato il prezzo ragionevole, ha detto che era disponibile ad alzarlo per migliori condizioni d’utilizzo.
Le due parti hanno finito per concordare un contratto di 18.000 dollari per due anni in esclusiva e illimitato utilizzo in ambito nazionale nel settore medico.

I consigli di John Mireles
John Mireles, spiega:
“Come ho scritto in altri miei articoli su AKA The Photographer’s Business Coach, ci sono compratori d’arte in cerca di lavori nuovi e differenti, questi acquirenti d’arte (art buyer è un termine generico per chi concede in licenza la fotografia per uso commerciale), lavorano per conto di agenzie pubblicitarie che hanno bisogno di immagini uniche per i loro layout pubblicitari e cataloghi. Le immagini anche se apparentemente innumerevoli sono disponibili attraverso società come Getty Images o iStockphoto, spesso per ogni singolo argomento, sono foto banali e abusate.
L’agenzia pubblicitaria può essere alla ricerca di un’immagine che un altro concorrente non può utilizzare o che il resto del mondo non ha già visto un milione di volte. In realtà tra milioni d’immagini, sono poche quelle che veramente fanno la differenza in alcune specifiche categorie.
Troppo spesso sento fotografi, sottovalutare il loro lavoro, dicono che per la foto hanno lavorato solo un’ora o mezza giornata, che si fanno pagare poco così si garantiscono altri lavori, oppure che realizzano fotografie solo per hobby e quello che gli viene offerto è tutto di guadagnato.
Il consiglio è di dimenticare tutto questo, ci sono milioni di foto mediocri nel mondo. Se un’agenzia pubblicitaria ha scelto una foto, la tua, è perché rappresenta qualcosa di speciale. Non abbiate paura di farvi pagare per il vostro essere speciali.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento