Tassare le case sfitte rende più accessibile la disponibilità di alloggi

Lo studio suggerisce che l’imposta sulle case sfitte ha il potenziale per generare reddito per i governi locali, ridurre la domanda da parte degli investitori stranieri e aumentare l’accessibilità degli alloggi.
La disponibilità di alloggi tra il 1997 e il 2016 in rapporto al reddito è notevolmente diminuita nel Regno Unito a causa di un rapido aumento dei prezzi. La riduzione della disponibilità di alloggi a prezzi accessibili per i residenti locali in parte è dovuta alla proprietà d’immobili d’investitori stranieri in città come Londra, o alla proprietà di una seconda casa da parte di cittadini britannici nelle zone rurali.
Jonathan Bourne autore dello studio pubblicato su Palgrave Communications ha spiegato:
«Uno degli obiettivi di questo studio era di farsi un’idea della quota della popolazione dell’Inghilterra e del Galles che vive in zone dove le proprietà a basso utilizzo sono più costose delle case occupate da residenti a tempo pieno, il che suggerisce che le proprietà più desiderabili non sono acquistate per primaria abitazione ma come opportunità d’investimento o case vacanza.
I risultati più sorprendenti sono stati il puro valore e la quantità di proprietà a basso uso in alcune aree, pari a 21 miliardi di sterline nel solo distretto londinese di Kensington e Chelsea, e 123 miliardi di sterline nell’intero set di dati. Stimiamo che in Inghilterra e Galles, il 39-47% della popolazione vive in aree dove le proprietà a basso utilizzo sono più costose delle case occupate permanentemente».
Il ricercatore ha raccolto dati da 112 autorità locali, rappresentano il 32% del totale delle autorità locali in Inghilterra e Galles, coprono il 40% della popolazione di Inghilterra e Galles (23,2 milioni di persone). L’insieme di dati comprende 340.000 proprietà a basso consumo, l’analisi ha rivelato che queste proprietà valgono in media 363.000 sterline, un prezzo più costoso del 18,5% della casa media (306.000 sterline). Ciò è stato il caso della maggior parte delle proprietà incluse nel set di dati.
Jonathan Bourne mirava anche a identificare le aree che potevano rispondere a uno dei due metodi per ridurre i prezzi delle case: aumentare l’offerta di alloggi o diminuire la domanda immobiliare, ad esempio introducendo un’imposta sulle case vuote. Ha detto:
«I dati mostrano che le proprietà a basso consumo sono molto concentrate in un numero ristretto di aree desiderabili, in questi casi la semplice costruzione di più case non risolverà il problema, poiché la questione è un’intensa competizione per la proprietà, non una mancanza.
Applicare una tassa per le case vuote può essere più efficace, con il potenziale di generare un reddito non trascurabile per le autorità locali; tassare le persone che in genere non hanno diritto a votare alle elezioni locali, potrebbe incoraggiarle ad affittare le loro proprietà.
L’imposta dell’1% sulle abitazioni vuote in conformità a questi risultati e dell’attuale base imponibile comunale, aumenterebbe l’entrata di un ulteriore 1,2 miliardi di sterline in tasse, equivale all’11% dell’imposta comunale ora riscossa nelle aree incluse nel set di dati».
La città di Vancouver nello Stato di Washington dal 30 dicembre 2018 applica un’imposta sulle abitazioni vuote, una tassa pari all’1% del suo valore imponibile valutato: per la maggior parte delle proprietà monofamiliare del West Side, ogni anno equivale a 30.000 dollari o più.
La misura recuperando 25.495 abitazioni vuote o sotto utilizzate, è stata ideata sia per ragioni di cassa sia come tentativo per calmierare il mercato degli affitti, diventati ormai insostenibili per la classe media.
E’ bene sottolineare che ci sono differenze sostanziali nella quantità di reddito che le singole aree otterrebbero da un’imposta sulle abitazioni vuote, ad esempio, per i distretti individuali londinesi, mentre la città di Londra otterrebbe ulteriori 2.100 sterline per residente (l’equivalente al 260% dell’attuale tassa comunale), i distretti di Kensington, Chelsea, Barking e Dagenham aumenterebbe rispettivamente di 2.000 sterline per residente (201% dell’attuale tassa comunale), e 3,60 sterline per residente (1% dell’attuale tassa comunale).
Jonathan Bourne in conclusione ha detto:
«Lo studio per contribuire a orientare la politica abitativa dimostra che è possibile fornire un’analisi dettagliata degli alloggi a livello locale e nazionale utilizzando i dati disponibili al pubblico. Il metodo qui sviluppato potrebbe essere implementato per il Regno Unito e altri paesi».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →