Ingegnoso rifugiato utilizza bottiglie di plastica per costruire case nei campi profughi Sahwari

Le case costruite con mattoni di fango (composto di una miscela di argilla, terra, sabbia e acqua, mescolato con un materiale legante come fibre di riso, di canne o di canapa), nei campi profughi Sahwari anche se si trovano nel sud dell’arida Algeria, periodicamente sono colpite da forti piogge che spazzano il deserto del Sahara.
Tateh Lehbib Breica ventotto anni rifugiato insieme a oltre 165.000 saharawi che sono stati sfollati durante la guerra del Sahara occidentale, diventato ingegnere, per fornire una solida alternativa, e sostituire alcune delle decine di migliaia di case dei campi profughi saharawi demolite in una tempesta del 2015, ha avuto la brillante idea di utilizzare le bottiglie di plastica per costruire case per i profughi saharawi, sono resistenti al calore del deserto, tempeste di sabbia e pioggia torrenziale. Intervistato da Middle East Eye, ha detto:
«La mia prima costruzione, fatta con 6.000 bottiglie di plastica riempite di sabbia e paglia, l’ho realizzata per fornire un riparo per mia nonna, offrirgli una vita migliore, non farla soffrire di caldo, vive in una regione, dove le temperature possono raggiungere i 43° C.
Ho scelto la bottiglia di plastica perché è venti volte più resistente di un mattone di fango.
Il mio progetto è piaciuto allAgenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), l’ha sostenuto con un budget di 60.000 euro. Finora con l’80 per cento di materiali riciclati ho costruito 26 case. Le bottiglie di plastica utilizzate sono quelle da due litri di acqua o soda, possono essere trovate nei campi e discariche. L’obiettivo è di alleviare le sofferenze del Sahrawi, far vivere le persone con  maggior dignità, costruire case ecologiche e sostenibili».

case costruite da Tateh Lehbib Breica con bottiglie di plastica

Dettagli sulle case progettate da Tateh Lehbib Breica
Creata la struttura principale, le sue pareti sono ricoperte di cemento e pietra calcarea, poi dipinte di bianco per riflettere i raggi del sole per mantenere fresca la temperatura al suo interno.
Il tetto per migliorare ulteriormente il flusso d’aria nella struttura ha un doppio strato, il primo composto di stuoie di plastica riciclata, il secondo da uno strato di cemento: queste caratteristiche architettoniche rendono le case di plastica più efficienti e resistenti alle difficili condizioni ambientali del deserto.
E’ stata studiata con cura e scelta la forma circolare della casa perché:
– evita ai raggi di luce di entrare direttamente all’interno, ciò riduce il flusso di calore;
due finestre a diverse altezze consentono una migliore ventilazione;
– impedisce l’accumulo di sabbia sul lato esterno della struttura durante le tempeste di sabbia, è un evento comune che accade con le case quadrate, le dune possono raggiungere la parte superiore del tetto.
Le mie case possono essere costruite in una settimana al costo di circa 250 euro, prezzo più economico rispetto alle case costruite con mattoni di fango al costo di 1.000 euro».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →