Svelata la storia di Portus l’antico porto di Roma

I ricercatori hanno ricostruito con successo le influenze antropiche sulla sedimentazione, incluso il dragaggio e l’uso di canali, nell’antico porto di Portus, il porto marittimo di Roma al culmine dell’impero romano (era un complesso portuale composto di bacini e canali costituivano il fulcro del commercio nella capitale dell’impero romano, collegavano il porto commerciale a Roma attraverso il fiume Tevere).
I risultati suggeriscono che i Romani prima di quanto si pensasse in precedenza – già nel II secolo d.C. -, stavano gestendo proattivamente i loro sistemi fluviali.
Agathe Lisé-Pronovost geologa marina, ricercatrice presso l’Università La Trobe a Melbourne in Australia, e il suo team, ha ricostruito la storia di Portus utilizzando una gamma di analisi dei sedimenti ad alta risoluzione tra cui il carotaggio a pistone, scansione a raggi X, datazione al radiocarbonio, proprietà magnetiche e fisiche, e composizione minerale degli antichi sedimenti portuali. La ricerca è stata pubblicata su Quaternary International.
Agathe Lisé-Pronovost ha detto:
«I porti antichi possono accumulare sedimenti più rapidamente degli ambienti naturali, come nel caso di Portus costruito in un delta fluviale dove il sedimento si accumulava a una velocità di circa 1 metro per secolo».
L’applicazione di questi metodi ha consentito ai ricercatori di datare e ricostruire con precisione la sequenza di eventi del porto storico di Portus, incluso le frequenti e onerose operazioni di dragaggio per mantenere un uso regolare del canale.
Agathe Lisé-Pronovost in conclusione ha detto:
«La datazione dei sedimenti portuali antichi è una grande sfida, poiché i porti non sono solo soggetti agli eventi meteorologici nel corso della storia, ma agli effetti duraturi dell’attività umana. I metodi che abbiamo applicato ci hanno permesso di affrontare il problema della datazione. Le misurazioni di routine di questo tipo potrebbero migliorare notevolmente l’analisi cronostratigrafica e la ricostruzione della profondità delle acque di antichi depositi portuali».

La dottoressa Lisé-Pronovost e il suo team incoraggiano i geoarcheologi ad applicare questi metodi innovativi al loro lavoro.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →