A letto con i romani: una breve storia della sessualità nell’Antica Roma

Che cosa si sa delle predilezioni sessuali degli uomini e delle donne dell’Antica Roma? Quanto erano scandalosi gli imperatori romani? Quali erano gli atteggiamenti verso il sesso extra-coniugale?
Paul Chrystal esplora la relazione romana con il sesso, condivide numerosi fatti che potresti non conoscere riguardo all’atteggiamento nei confronti dell’amore, del matrimonio e delle buffonate nella stanza da letto nell’Antica Roma …
Paul Chrystal nel suo il libro “In Bed with the Roman” (A letto con i romani), traendo conclusioni dalla letteratura, da antichi graffiti, dalle iscrizioni e dalle arti visive esplora la relazione romana con il sesso. Il libro oltre l’amore e il matrimonio; il ruolo della moglie nella famiglia e nella religione (così come a letto), descrive la medicina sessuale, l’omosessualità, la pornografia e la pederastia.
 History Extra esplora in sintesi la storia del sesso nell’Antica Roma descritta da Paul Chrystal .

Philip Larkin nel suo poema più famoso “Annus Mirabilis” (è una locuzione latina, traducibile in italiano come “anno meraviglioso” o “anno di meraviglie” o “anno di miracoli”), indica il 1963 come l’anno in cui il sesso è stato inventato in Gran Bretagna; per i Romani sarebbe stato il 750 aC.
Naturalmente, come tutti noi, i romani e latini da sempre avevano avuto rapporti sessuali ma, secondo lo storico romano Tito Livius Patavinus (alias Livio), subito dopo la fondazione di Roma (nel 753 a.C.) il sesso raggiunse un’indelebile e inestricabile importanza politica e storica negli annali di Roma. Il sesso fin dall’inizio era legato a un importante sviluppo costituzionale per lo Stato romano. Il primo esempio nel 750 a.C. fu lo stupro delle donne Sabine, un esempio di costruzione nazionale eseguito con cura, in cui i Romani arricchirono il loro ridotto numero di donne fertili portando via le mogli e le figlie dei vicini Sabini.
Il sesso poco dopo fu coinvolto prima nel rovesciamento della monarchia tirannica e nell’istituzione della repubblica; poi nella restaurazione di quella repubblica così centrale per la democrazia romana.
La virtuosa Lucrezia [una leggendaria matrona romana il cui destino giocò un ruolo chiave nella transizione da un regno romano a una repubblica romana] si tolse la vita nel 510 aC dopo essere stata violentata da Sesto Tarquinio, figlio di Lucio Tarquinio, meglio conosciuto come Tarquinio il Superbo, settimo e ultimo re di Roma.
Verginia, o Virginia, leggendario personaggio femminile romano, vissuta nel V secolo a.C., nel 449 a.C. fu pugnalata a morte dal padre per evitare la vergogna della violazione (stuprum) da parte di Appio Claudio, uno dei decemviri (nell’antica Roma, collegi di 10 membri, distinti secondo le loro particolari funzioni).
La conservazione delle virtù sessuali – la pudicizia – così importante per i valori, la storia e la società romana, è costata la vita a Lucrezia e Verginia. Gli storici romani come Tito Livio in seguito hanno esaltato le abitudini sessuali delle leggendarie donne del passato, chiedendo alle loro contemporanee donne di custodirle con cura.

Senso del dovere
Il sesso per la maggior parte dei romani era indubbiamente gratificante, ma era anche un dovere: in gran parte, probabilmente era più gratificante per gli uomini, più di un dovere per le loro donne. Gli uomini erano felici di mostrare la loro virilità e abilità sessuale, mentre le donne erano obbligate a sottomettersi al parto in serie – una linea di produzione di bambini, idealmente maschi, per sostenere con i giovani la famiglia, il campo di battaglia, la fattoria.
Le bimbe, invece, erano costose, contribuivano poco o nulla al reddito familiare, inoltre, un giorno avrebbero avuto bisogno di una costosa dote.
Il matrimonio, in effetti, era una questione poco equilibrata: secondo gli uomini, le donne che si sposavano non potevano aspettarsi alcun piacere o divertimento, dovevano semplicemente procreare. Inoltre, la moglie silenziosa, compiacente e sottomessa doveva chiudere un occhio sulle infelicità sessuali del marito, mentre l’uomo poteva fare il donnaiolo quanto gli piaceva fintanto che l’amante non era sposata, o se aveva un bambino, non doveva avere più di una certa età.
Bordelli, prostitute e ragazze danzanti erano considerati “liberamente disponibili”, come lo erano i maschi più anziani – con l’unica condizione imprescindibile di essere soggetti attivi.
Essere passive e penetrate era considerato un dovere femminile. Gli uomini che si sottomettevano erano considerati privi di virtus (nell’Antica Roma era una virtù specifica legata a connotazioni di valore, virilità, eccellenza, coraggio e carattere, percepiti come punti di forza maschili), erano oltraggiati e denunciati per essere effeminati.
Il rapporto sessuale tra persone dello stesso sesso, a determinate condizioni, nell’Antica Roma era considerato un bene per l’uomo mentre quello tra donne era assolutamente condannato. Il sesso lesbico spesso contemplava la penetrazione, era considerato il compito dell’uomo, per cui una donna che assumeva questo ruolo (e la sua compagna sottomessa) erano punite in egual misura.
Il lesbismo nell’antica Grecia era chiamato tribadismo, dal greco trìbein, che significa “sfregare”; le lesbiche per i latini erano le fricatrici “quelle donne che si strofinano”.

Cambiare il punto di vista
Augusto, come primo imperatore, se ne accorse e, sebbene lui stesso non fosse avverso a sbandare con le mogli di altri uomini, cercò di ripristinare in vecchio stile alcuni buoni valori familiari (in gran parte infruttuosi) relativi al matrimonio, al divorzio e all’aumento del tasso di natalità.
L’attività sessuale di Augusto, tuttavia, fu facilmente eclissata da sua figlia Julia, divenne nota per la sua lussuria e promiscuità. Scoperta a capo di una congiura contro il padre, fu mandata all’esilio forzato nell’isola di Pandateria, l’attuale Ventotene.

Travestimento
Julia in qualche modo per i primi decenni dell’impero ha stabilito il punto di riferimento sessuale. Giulio Cesare aveva reso popolare la rabbia per il travestimento delle celebrità quando, all’età di 20 anni, ha vissuto la vita come una ragazza alla corte del Re Nicomede IV; in seguito fu chiamato “Regina della Bitinia”, “l’uomo di ogni donna e la donna di ogni uomo”.
Tiberio, a Capri per la sua dissolutezza si vestiva da donna; Caligola a volte si presentava ai banchetti vestito da Venere. Nerone, pieno di rimorsi dopo aver ucciso con un calcio al ventre la moglie incinta Poppaea Sabina, cercò un surrogato che le somigliasse, trovò Sporus: non era una donna, ma un giovane eunuco con cui volle unirsi in matrimonio. Il popolo di Nerone castrò l’ex schiavo e la coppia si sposò.
Sporus non è stato l’unico amante maschio avuto dall’imperatore: Nerone ebbe difatti due compagni di letto, allo stesso tempo, oltre Sporus, anche Pitagora, un giovane schiavo liberato.

Bordelli
Passiamo ora a Messalina, imperatrice moglie di Claudio: regina delle prostitute imperiali, si dice che regolarmente mentre Claudio dormiva, andava a far visita in un fetido bordello: sotto il falso nome di Licisca completamente depilata, i capezzoli dorati, gli occhi segnati da una mistura di antimonio e nerofumo, per qualche ora il giorno si offriva a marinai e gladiatori.
L’autrice romana di Plinio il Vecchio racconta l’epica orgia di Messalina, in cui sfidò una veterana prostituta a una maratona sessuale di 24 ore. L’imperatrice trionfò accompagnandosi in totale con 25 uomini, uno ogni ora.
Il poeta Ovidio su un piano più mondano, insisteva sul fatto che alcune donne appartenenti all’élite tendenzialmente erano “un po’ ruvide”, un sentimento ripreso da Petronio nel suo Satyricon [un romanzo sulla società romana], descrive come alcune donne dell’alta borghesia ardevano di desiderio per uomini di rango inferiore come i danzatori, zetarii (spazzini) e gladiatori.
Il sesso è presente in modo evidente in tutta la breve vita “terribilmente disgustosa” dell’imperatore Elagabalo (AD c203-22), un famigerato, deviato trasgressore, afflitto da confusione e depravazione. Tuttavia, non poteva essere accusato di mancanza di senso dell’umorismo: secondo Historia Augusta [una raccolta di biografie d’imperatori romani, eredi e pretendenti da Adriano a Marco Aurelio Numeriano]:
«Egli provava intimo piacere o soddisfazione con ogni orifizio del suo corpo, mandava i suoi servitori alla ricerca di uomini con grandi peni per soddisfare le sue passioni. Le dimensioni dell’organo di un uomo spesso determinavano l’incarico che gli era stato affidato. Egli quando i suoi amici erano ubriachi, di notte lasciava entrare nella stanza leoni, leopardi e orsi (resi innocui), in modo che quando si svegliavano all’alba, o peggio, durante la notte, trovavano [animali selvatici] nella stessa stanza da letto. Molti di loro morirono per lo shock».
Le vicende andarono oltre quando Elagabalo offrì enormi fortune a qualsiasi medico che potesse dargli genitali femminili permanenti o, per usare le parole dello storico romano Cassius Dio, “per costruire la vagina di una donna nel suo corpo per mezzo di un’incisione”.

Rapido passaggio al 525 d.C., il sesso era ancora un aspetto importante della vita romana. L’imperatrice Teodora (moglie di Giustiniano I), lavorò in un bordello di Costantinopoli, era tra le protagoniste di un burlesco spettacolo osceno. Il suo ruolo principale era quello di Leda e il cigno: mentre era sdraiata sulla schiena, alcuni attori le spargevano sul pube chicchi d’orzo che oche ammaestrate beccavano uno a uno; poi sul palco invitava altri attori a copulare con lei.
Teodora fu tramutata in santità virtuale a seguito della sua serie di riforme sociali, proteggevano le donne dagli abusi fisici e sessuali e dalla discriminazione, riforme attuate quando assunse la carica d’imperatrice.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →