Twitter ottimo strumento per monitorare i ristoranti che hanno causato intossicazioni alimentari

La crescente tendenza di esprimere continuamente con alcune applicazioni ogni nostro sentimento, potrebbe contribuire a migliorare la salute pubblica.
L’ultimo sviluppo nell’evoluzione dei social media come strumento epidemiologico è Nemesis geolocates tweet, un sistema di apprendimento automatico che tiene traccia di dove la gente twitta sull’intossicazione alimentare e argomenti simili.
Ecco il succo del discorso. La funzione “ascolta” milioni di tweet per parole chiave, per esempio quelle che potrebbero indicare la cena che a qualcuno è andata oltre il mal di stomaco. Vengono quindi geo-localizzati i tweets (quelli che pubblicano i dati GPS, almeno) e i ristoranti in zona sono indicati su Google Map (vedi).
Lo strumento per tenere conto del fatto che qualcuno possa twittare da un ristorante alle 20.00 e ancora a mezzanotte dal pavimento di un bagno, attiva il processo di raccolta dati per “ascoltare” nuovi tweet di quelle persone.
Il sistema secondo il documento di ricerca che sarà presentato alla Conferenza sulla Computation Human & Crowdsourcing nel mese di novembre, dopo quattro mesi di test a New York ha raccolto 3,8 milioni di tweets da più di 94.000 utenti, ha rintracciato 23.000 persone che sono state al ristorante, ha scoperto 480 casi probabili d’intossicazione alimentare.
La parte successiva è la più interessante. Lo strumento sulla base di questi dati ha assegnato punteggi di salute per i ristoranti, ha verificato che erano strettamente corrispondenti a quelli effettivamente assegnati dal Dipartimento della Salute. Ciò significa che tante persone “malate” con gli smartphone potrebbe fornire in meglio, perché è in tempo reale, un altrettanto accurato rapporto sulla sicurezza alimentare. Tutto ciò è abbastanza significativo.

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento