Nightwatch il nuovo dispositivo di allarme epilessia potrebbe salvare migliaia di vite (Video)

Il nuovo braccialetto ad alta tecnologia, sviluppato da scienziati olandesi, rileva l’85% di tutte le gravi crisi epilettiche notturne, un punteggio sicuramente migliore di qualsiasi altra tecnologia in questo momento disponibile. I ricercatori pensano che questo braccialetto, chiamato Nightwatch, possa ridurre il numero di decessi notturni inattesi nei pazienti epilettici. Hanno pubblicato i risultati sulla rivista scientifica Neurology.
La Sudden Unexpected Death in Epilepsy (SUDEP) o morte improvvisa e inattesa di soggetti che soffrono di epilessia (è il decesso d’individui affetti da epilessia in buono stato di salute e in cui l’autopsia non riesce a riscontrare una causa del decesso), è una delle principali cause di mortalità nei pazienti epilettici.
Le persone con disabilità intellettiva e con una grave epilessia resistente alle terapie, nell’arco della vita possono avere un rischio di morte per epilessia pari al 20%, purtroppo molti attacchi continuano a non essere rilevati nonostante esistano diverse tecniche per monitorare i pazienti di notte.
I ricercatori hanno sviluppato un braccialetto che riconosce due caratteristiche essenziali degli attacchi gravi: un battito cardiaco anormalmente veloce e movimenti di sobbalzi ritmici. In questi casi, il braccialetto invierà un avviso wireless a badanti o infermieri (vedi video).

Il team di ricerca in media per 65 notti ha testato il braccialetto, noto come Nightwatch, in 28 pazienti con epilessia con handicap intellettivo. Il braccialetto era limitato a suonare un allarme in caso di un grave attacco. I pazienti sono stati anche filmati per verificare se ci fossero falsi allarmi o attacchi che il Nightwatch avrebbe potuto perdere.
Il braccialetto ha rilevato l’85% di tutti gli attacchi gravi e il 96% dei più gravi (attacchi tonico-clonica), un punteggio particolarmente alto.
I ricercatori per fare un confronto, contemporaneamente l’hanno testato con l’attuale standard di rilevamento, un sensore da letto che reagisce alle vibrazioni dovute a scatti ritmici, questo ha segnalato solo il 21% degli attacchi gravi. In media, quindi, il sensore del letto è rimasto eccessivamente silenzioso una volta ogni 4 notti per paziente. Il Nightwatch, d’altra parte, in media ha mancato un attacco grave per paziente solo una volta ogni 25 notti. Inoltre, i pazienti non hanno segnalato fastidio dal braccialetto; anche il personale di assistenza è stato positivo per quanto riguarda l’uso del braccialetto.
Johan Arends neurologo responsabile del team che ha portato a termine lo sviluppo del braccialetto Nightwatch (lo studio ha richiesto circa vent’anni), ha detto:
«I risultati dimostrano che il braccialetto funziona bene, ora può essere ampiamente utilizzato tra gli adulti, sia nelle istituzioni sia a casa. La nostra speranza è che questo dispositivo possa ridurre di due terzi il numero di casi di SUDEP, anche se questo dipende da quanto velocemente e adeguatamente i prestatori di assistenza o personale infermieristico risponda agli avvisi. Applicato a livello globale, può salvare migliaia di vite umane».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →