Negazione pandemica: perché alcune persone non accettano la realtà del coronavirus Covid-19?

È emerso che alcune persone continuano a rifiutare di accettare la realtà del coronavirus Covid-19 e sulla necessità di seguire le linee guida nonostante le tante informazioni disponibili. La negazione si manifesta in molti modi, sia nel rifiutare di indossare una mascherina, sia a partecipare a grandi assembramenti, ma l’uso della negazione come meccanismo di difesa non è sempre una scelta sbagliata: a breve termine, dà a qualcuno il tempo di adattarsi a una situazione, ma quando diventa a lungo termine e mette gli altri in pericolo, può essere pericoloso.
Il termine psicologico chiamato razionalismo (è una corrente filosofica basata sull’assunto che la ragione umana può in principio essere la fonte di ogni conoscenza). È un meccanismo di difesa in cui le persone cercano di giustificare un comportamento inaccettabile, spesso la gente lo confonde con la negazione.
I coniugi Eve e Mark Whitmore, psicologi con oltre 30 anni di esperienza nella loro professione, hanno passato gli ultimi anni a studiare la disinformazione e il pregiudizio di conferma (consiste nel ricercare e selezionare informazioni in modo da attribuire maggiore credibilità a quelle che confermano le proprie convinzioni e ignorare quelle che le contraddicono).
Eve Whitmore lavora attualmente come psicologa clinica a Stow, Ohio, e Mark Whitmore è professore associato presso il College of Business Administration della Kent State University di Kent, Ohio, sono stati intervistati da Megan Marples della CNN. La lunga intervista è stata condensata per chiarezza.

CNN: Che cos’è la negazione e perché neghiamo cose che sono ovviamente vere?
Eve Whitmore: La negazione è un metodo usato in psicologia per descrivere come le persone affrontano la realtà, non è considerato uno dei meccanismi più preferiti, li chiamiamo meccanismi di difesa.
Mark Whitmore: La negazione è un modo per le persone di difendersi dall’ansia, quando sono in periodi in cui c’è molta ansia e viene percepita come una minaccia, allora le persone sviluppano strategie per proteggere se stesse, il loro senso di sicurezza e di protezione. E una di queste è semplicemente quella di negare l’esistenza della fonte minacciosa, in questo caso, direbbe semplicemente: “Beh, l’epidemia è una bufala. In realtà non esiste”.
La negazione a volte si confonde con la razionalizzazione, consiste nell’atteggiamento mentale di mascherare sentimenti, idee e comportamenti percepiti come conflittuali con le proprie vere motivazioni pulsionali o con la realtà, così da contenere e gestire un’angoscia di tipo nevrotico o psicotico, in sintesi quando si cerca di spiegare o di diminuire la minaccia della fonte dell’ansia. La gente quando dice: “Il coronavirus Covid-19 è solo un’altra influenza”, ammette che esiste, ma la minimizza e dice che non è così grave come tutti dicono.

CNN: Perché alcuni negano o razionalizzano?
Mark Whitmore: Sia che si reagisca a situazioni di stress e di ansia, sia che si reagisca in modo più positivo, cercando di capire come affrontarle, ha a che fare con il proprio senso di controllo su quelle situazioni. La pandemia quando è stata annunciata per la prima volta, c’erano pochissime informazioni e non sapevamo che tipo di precauzioni avremmo dovuto prendere, da allora è progredita. Abbiamo ottenuto più informazioni sui modi per proteggerci e per avere un certo senso di controllo dei tipi di comportamento che adottiamo, ma già a marzo e aprile non avevamo molte informazioni e alcune di esse erano contraddittorie, ciò ha contribuito a far sì che la gente si sentisse di non avere il controllo; alcune persone sentivano molta ansia e stress, a quel punto, dobbiamo capire come affrontare la situazione in modo da poter essere efficienti, per alcuni, questo è creare un mito sulla pandemia o semplicemente cercare informazioni che rafforzino il loro punto di vista che la situazione non è così grave come si dice.

CNN: Come può essere pericoloso negare o usare la razionalizzazione?
Mark Whitmore: Sia la negazione sia la razionalizzazione sono considerate disadattabili, il che significa che non aiutano l’individuo ad adattarsi alla fonte della minaccia. In realtà possono esporli a una possibilità ancora maggiore di qualsiasi cosa sia la minaccia, nel caso della pandemia, ci si può ammalare perché se si è in fase di negazione, si razionalizza la gravità della situazione, ma probabilmente non prenderai le dovute precauzioni per proteggerti.
Eve Whitmore: Abbiamo osservato persone che dicevano: “Voglio prendere il virus e farla finita”. Ci sono anche persone che viaggiano attraverso gli Stati Uniti in diversi Stati, anche se non è raccomandato, perché non credono che il coronavirus Covid-19 sia così male. Possono essere asintomatici e riportarlo nel proprio Stato.
Abbiamo anche sentito persone dire che pensavano di essere già esposte al virus perché qualcuno nella loro famiglia era malato con qualche malattia non diagnosticata e ora pensano che sia il coronavirus Covid-19, e quindi ritengono di stare bene perché dovrebbero esserne immuni.

CNN: Dove si imparano questi comportamenti?
Eve Whitmore: Questi comportamenti si sviluppano nei bambini e sono in genere rafforzati dai genitori o dai tutori. Il bambino all’età di circa 6 o 7 anni, è in grado di dare un senso a ciò che è reale e a ciò che è finzione, ma nella nostra cultura la finzione è rafforzata, spesso con i genitori e i bambini. Come si sa, ci sono un Babbo Natale e un coniglietto pasquale, fanno parte dello sviluppo e aiutano i bambini con la fantasia, questa può essere una buona cosa. Ma a volte, vediamo che può diventare estrema.
Mark Whitmore: La questione chiave non è tanto Babbo Natale, ma come i genitori insegnano ai figli ad affrontare le decisioni, non con i fatti, ma con la convinzione o la fede. Essendo genitori abbiamo sostenuto la fantastica tradizione di Babbo Natale, ma abbiamo anche insegnato ai nostri figli come prendere decisioni sulla base di informazioni concrete. Gli adulti che da bambini sono cresciuti in un ambiente in cui le convinzioni infondate facevano parte della loro educazione, sono molto più propensi a credere nelle teorie di cospirazione e nelle bufale. Tendono anche a prendere decisioni basate su intuizioni e idee preconcette e pregiudizi, piuttosto che sull’uso di informazioni su dati reali.

CNN: Se avete un amico o un familiare che non segue le corrette linee guida di sicurezza perché è in fase di rifiuto o di razionalizzazione, come potete aiutarli?
Mark Whitmore: Anche in questo caso si crea un pregiudizio di conferma, in cui crei una bolla circondandoti di persone che credono in ciò in cui credi e cerchi informazioni che supportano il tuo modo di credere. Aiuterebbe una persona a ricevere informazioni contraddittorie, cose che contrastano i loro punti di vista. La persona deve essere costretta ad affrontarlo e fare qualcosa al riguardo. È meglio farlo in varie fasi. Inizia presentando all’individuo informazioni concrete e contraddittorie che non sono così minacciose insieme a ciò che può fare per proteggersi. Appena iniziano ad accettarlo, aumenti gradualmente l’intensità delle informazioni realistiche fino a quando non lo accettano pienamente e raggiungono un maggiore senso di controllo.
Eve Whitmore: Puoi anche dare il buon esempio. Possono vedere che indossi una mascherina, ti lavi le mani e mantiene la distanza sociale. Possono anche vederti seguire le Regole del tuo Stato.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →