Professore di chimica spiega come il sapone distrugge il coronavirus Covid-19

I virus respiratori come il coronavirus Covid-19, l’influenza, e il comune raffreddore, possono diffondersi attraverso le nostre mani: si comportano come trappole appiccicose, catturando goccioline che contengono il virus, restano sulle mani, e forse entreranno nei nostri corpi se ci tocchiamo il viso con le mani.
Ecco perché le nostre mani sono la prima linea nella guerra contro il coronavirus Covid-19. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) negli Stati Uniti raccomanda di lavarsi le mani con acqua e sapone, se non sono disponibili, può essere d’aiuto usare un disinfettante per le mani con almeno il 60% di alcol”.
I CDC dà la priorità al sapone. Eppure, secondo i notiziari, le persone fanno scorta, accumulando i disinfettanti. La situazione è diventata assurda, basti pensare che in Italia una confezione di Amuchina, che di solito costa 3/4 euro circa, è stata venduta su Amazon a 98 euro.
Il disinfettante per le mani contenente oltre il 60% di alcol funziona contro Covid-19, è una buona opzione quando non è disponibile acqua e sapone. Palli Thordarson, professore di chimica all’Università del Nuovo Galles del Sud (Australia), sulle meraviglie del sapone, ha detto:
«Il sapone dovremmo essere entusiasti di usarlo, il più possibile, annienta i virus rendendoli innocui. È un efficace killer del Covid-19, è importante insaponarsi e lavare le mani per almeno 20 secondi».

Che cosa è il sapone?
Palli Thordarson spiega che tra gli elementi chimici del sapone ci sono le molecole anfifiliche, hanno una duplice natura: un’estremità della molecola è attratta dall’acqua e respinta dai grassi e dalle proteine. L’altro lato della molecola è attratto dai grassi ed è respinto dall’acqua. Osservando le etichette dei prodotti, il componente più comune del sapone è il sodio lauril solfato, un detergente che spesso è miscelato con altri prodotti chimici per pulire le mani e non danneggiare la pelle.
È questa costruzione chimica a doppia natura che rende il sapone così efficace: per esempio, quando versi un po’ di olio d’oliva in acqua, si accumula in una massa che galleggia, questo perché i grassi non si mescolano con l’acqua, ma mescolando un po’ di sapone nell’olio e nell’acqua, l’olio si disperderà. Fondamentalmente, ciò accade perché il sapone è attratto dal grasso, attraverso il suo lato amante del grasso, ma poi lo scioglie in acqua attraverso il suo lato amante dell’acqua, circonda le particelle di olio allontanandole le une dalle altre.
Ora, fortunatamente per noi, i coronavirus sono un po’ come l’olio menzionato nell’esempio sopra: frammenti di informazioni genetiche – codificati dal RNA – circondati da uno strato di grasso e proteine. Mi piace chiamare questi virus come “sfere di grasso di dimensioni nanometriche”. Le palline di grasso, indipendentemente dalle dimensioni, sono il tipo esatto di elementi che il sapone ama annientare.

Ecco come il sapone distrugge i coronavirus
Palli Thordarson dice che il sapone si prende cura del virus come se si prendesse cura dell’olio nell’acqua, un lato della molecola di sapone (quello che è attratto dal grasso e respinto dall’acqua) si fa strada nel guscio di grasso e proteine del coronavirus. Fortunatamente, i legami chimici che tengono insieme il coronavirus non sono molto forti, quindi questa intrusione è sufficiente per rompere il mantello protettivo, lo rendi solubile in acqua, il coronavirus si disintegra finendo nello scarico del lavandino. E anche se il sapone non distrugge tutti i virus, li eliminerai comunque dalle mani con acqua e sapone, oltre a qualsiasi grasso o sporco a cui potrebbero aderire.
Il sapone eliminerà anche i batteri e altri virus che potrebbero essere un po’ più resistenti del coronavirus e più difficili da disintegrare, ciò richiede almeno 20 secondi per lavarti le mani. La pelle è rugosa ci vuole tempo perché il sapone penetri in tutte le piccole pieghe e demolisca i virus che si nascondono all’interno. Il sapone ha bisogno di qualche momento per fare il suo lavoro chimico, affinché tutto il sapone interagisca, sfregando le mani, avanti e indietro, venti secondi dovrebbe essere un tempo sufficiente per pulire e “disinfettare” le mani.
L’alcol, l’ingrediente principale nel disinfettante per le mani, può anche distruggere i virus. I disinfettanti funzionano effettivamente in modo simile al sapone. Il fatto è che hai bisogno di un’altissima concentrazione di alcol per ottenere lo stesso effetto. I prodotti chimici composti di ammonio quaternario, l’ingrediente principale di Lysol, uccidono anche i virus ma possono essere un po’ più duri sulla pelle.
I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomanda un disinfettante contenente il 60% di alcol, quindi attenzione ai disinfettanti o alle salviette in commercio che non soddisfano questo standard o che non contengono alcol. Il disinfettante per le mani è utile, ma può fallire in situazioni non ideali, se le mani sono bagnate o sudate, possono diluire e diminuire la sua efficacia. Il disinfettante non pulisce le mani dal grasso appiccicoso a cui possono attaccarsi anche i virus.
Il sapone non fallisce facilmente, non importa nemmeno la formulazione del sapone, non c’è bisogno di “sapone antibatterico”, per mancanza di prove della sua utilità, non è consigliato dalla Food and Drug Administration. E non c’è bisogno di un detersivo super-duro come quello che si mette in lavastoviglie o in lavatrice.
Il semplice sapone funziona bene, finché gli si dà un po’ di tempo, per fare il suo lavoro. Tutto questo, almeno, mi rende più entusiasta di lavarmi le mani, mentre mi lavo con acqua e sapone e conto fino a 20, immagino una battaglia su scala nanometrica nelle pieghe minuscole della mia pelle. Il sapone si carica, si attacca ai virus così come allo sporco e ad altri grassi e li fa a pezzi in modo brutale ed eroico. È quasi come i Vendicatori (una squadra immaginaria di supereroi che appare nei fumetti americani pubblicati da Marvel Comics), ma è migliore perché è reale: può aiutare a fermare la diffusione di questa epidemia di coronavirus Covid-19.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →