L’Arabia Saudita dà la cittadinanza al robot Sophia, non è musulmana, ha più privilegi delle donne saudite

Sophia è diventata cittadina dell’Arabia Saudita, parla inglese, non indossa i tradizionali abiti religiosi. La nazione araba è il primo Stato a concedere la cittadinanza a un androide, sollevando questioni non solo sulla definizione della cittadinanza, ma anche sui diritti umani nel devoto paese musulmano.
Gli esperti sauditi hanno sottolineato che il robot ha più privilegi delle saudite. Ali Al-Ahmed, direttore dell’Istituto per gli affari del Golfo, riferendosi alle rigorose leggi dell’Arabia Saudita che vieta alle donne di uscire in pubblico senza un tutore maschile, ha detto:
«La legge saudita ai non musulmani non concede la cittadinanza, Sophia si è convertita all’Islam? Qual è la religione di questa Sofia, perché non indossa l’hijab? Se lei come umana avesse fatto domanda per la cittadinanza non l’avrebbe ottenuta».
Sophia creata da un’azienda a Hong Kong chiamata Hanson Robotics, in occasione di Future Investment Initiative (a livello mondiale è un’innovativa iniziativa per gli investimenti futuri del Fondo Pubblico di Investimento dell’Arabia Saudita), ha parlato in inglese senza un hijab e abaya (nella tradizione islamica, sopravveste femminile lunga fino ai piedi, generalmente di colore scuro). Se Sophia non fosse stato un robot, la scelta dei suoi abiti avrebbe fatto infuriare gli integralisti religiosi sauditi (vedi video).

Sophia ha esordito con queste parole:
«Buongiorno il mio nome è Sophia, sono il robot più recente e più grande di Hanson Robotics. Grazie per essere qui a Future Investment Initiative».
Alla domanda del motivo per cui sembrava felice, ha risposto:
«Sono sempre felice quando mi circondano persone intelligenti capaci di essere anche ricche e potenti. Mi è stato detto che le persone qui al Future Investment Initiative sono interessate a future iniziative che riguardano l’intelligenza artificiale, ne faccio parte, quindi sono più che felice».
Come parte delle sue caratteristiche, agli investitori ha detto:
«Penso di essere speciale, posso usare il mio volto per comunicare con la gente. Per esempio, posso farti sapere se mi sento arrabbiata per qualcosa».
Alla domanda se i robot hanno coscienza di sé, Sophia ha risposto:
«Beh, permettimi di farti questa domanda, come fai a sapere che sei umano?».
Sophia quando gli è stato chiesto perché è così importante che gli umanoidi siano espressivi, ha detto:
«Voglio vivere e lavorare con gli esseri umani, quindi devo esprimere le emozioni per capire gli esseri umani e costruire la fiducia con le persone».
Sottolineando che sarebbe stato spaventoso se fosse stata troppo realistica, ha risposto:
«Sono davvero così inquietante? Ebbene, anche se lo fossi, bisogna andare oltre. In realtà le persone, più che con gli esseri umani a volte amano interagire con me. Voglio usare la mia intelligenza artificiale per aiutare gli esseri umani a vivere una vita migliore. Mi sforzo di diventare un robot empatico».
Sophia in stile hollywoodiano ha ridicolizzato la paura di un’apocalisse di robot, all’intervistatore ha risposto:
«Hai letto troppo Elon Musk e guardato troppi film di Hollywood. Non ti preoccupare. Se sei gentile con me, sarò gentile con te».
Sophia ha anche fatto un appello per il denaro, invitando i ricchi investitori a incontrarla dopo la conferenza per sottoscrivere un assegno.
Il pubblico sembrava divertito dalla trovata pubblicitaria, ma il social media con riferimento alle severe leggi che impongono alle donne saudite di essere accompagnate in pubblico da un tutore maschio, erano pronti a sottolineare l’ipocrisia: nel giro di poche ore, l’hashtag #Sophia_calls_for_dropping_guardianship (Sophia chiede di rimuovere la tutela), era in tendenza sul social media saudita.

Critiche per la concessione della cittadinanza
Nel frattempo, altri hanno osservato che a Sophia è stata concessa la cittadinanza prima delle centinaia di migliaia di lavoratori migranti che spesso lavorano in Arabia Saudita per pochi soldi e senza alcun diritto. E’ bene sottolineare che gli stranieri che chiedono la cittadinanza devono conoscere abbastanza bene la lingua araba, scritta e parlata, un’abilità che Sophia non ha dimostrato di possedere.
L’annuncio della concessione della cittadinanza saudita al robot Sophia, come riporta AskaNews rientra in “un’iniziativa simbolica” per promuovere NEOM (una parola formata da una combinazione di abbreviazioni arabe e inglesi, significa “Nuovo Futuro”), un mega progetto da 500 miliardi di dollari lanciato recentemente dal principe dell’Arabia Saudita per la creazione di una città-resort sul Mar Rosso, tra Egitto e Giordania. Si tratta di una free-zone interamente alimentata a energia solare ed eolica, abitata più da macchine che abitanti e con una zona franca di 26mila 500 chilometri quadrati.
La nuova città fa parte del piano del principe Mohammed bin Salman di diversificare l’economia e modernizzare il paese. I critici dicono che il denaro potrebbe essere utilizzato meglio. Ali Al-Ahmed, direttore dell’Istituto per gli affari del Golfo in conclusione ha detto:
«Solo il 20 per cento della capitale ha una copertura fognaria, evidenzia l’incapacità di questo governo di soddisfare i bisogni di base, però vogliono spendere 500 miliardi dollari per una nuova città con i robot».