Interlaken in Svizzera è diventata la nuova Mecca per i ricchi turisti musulmani

L’estate indiana alla fine di giugno era già terminata a Interlaken cittadina svizzera tra il lago di Brienz e il lago di Thun. Lungo l’Höheweg, il viale degli orologiai di lusso e hotel a cinque stelle di Interlaken, rimangono solo pochi viaggiatori indiani, sparsi tra il flusso continuo di visitatori cinesi: una stagione turistica è quasi finita, ma un’altra sta per iniziare.
Interlaken è una destinazione turistica, pochi giorni prima della fine del mese di digiuno musulmano durante il sacro mese di Ramadan, già era impegnata a definire gli ultimi dettagli per accogliere il flusso di ricchi turisti arabi, mettendo in bella evidenza fuori i locali i menù tradizionali tradotti in arabo, e con gli orologiai a riempire i loro negozi con modelli di lusso.
I cittadini dell’Arabia Saudita, del Qatar, del Dubai e dell‘Oman dall’inizio di luglio, ogni anno in coppia o con le famiglie cominciano a confluire nella città svizzera di Interlaken, secondo i dati dell’Ufficio del Turismo Svizzero, in media giornalmente spendono 430 franchi svizzeri (448 dollari), quasi quattro volte più dei turisti svizzeri (120 franchi il giorno) che rimangono ancora il più grande mercato.
I clienti musulmani non arrivano in Svizzera per le montagne, preferiscono passeggiate a cavallo per lunghe escursioni. Interlaken situata su una pianura tra due laghi, è la destinazione perfetta per loro. Tutto è pronto ad accoglierli, inclusi i dipendenti arabi e le guide di fronte agli alberghi della città.
I turisti arabi (contrariamente ai turisti cinesi o giapponesi, che di solito sono in gite organizzate), non programmano il loro soggiorno. Significa che la città deve raddoppiare gli sforzi per essere attraente e spingerli a spendere. L’ufficio turistico di Interlaken ha investito in un’enorme campagna pubblicitaria molto prima del loro arrivo, con una task force negli Emirati per promuovere la città attraverso conferenze e viaggi per i giornalisti arabi.
L’80% della popolazione a Interlaken vive di turismo. Sedurre i visitatori arabi è diventato una necessità, richiede alcuni adeguamenti: menu halal nei ristoranti, “crociere halal” sul lago, parapendio che permette di indossare il velo; alcuni siti web come Interlakenforarabs riporta tutte le attività disponibili per i turisti musulmani che vogliono divertirsi mentre rimangono tra la propria comunità.
Tali sforzi in Svizzera hanno reso Interlaken la nuova destinazione di viaggio più importante per i visitatori del Medio Oriente: nel 2016, in termini di pernottamenti (124.000) ha superato Ginevra. Il turismo proveniente dai Paesi del Golfo per la Svizzera è una manna che vale 413 milioni di franchi svizzeri (430 milioni di dollari), il 25% prodotto solo da Interlaken. Il boom in parte può essere attribuito a una campagna di promozione della città avviata qualche anno fa, incoraggia i negozianti e gli albergatori a imparare l’arabo. I tassi di visita da paesi del Golfo a Interlaken sono aumentati di oltre il 2.000% negli ultimi 12 anni, superando la crescita dei turisti cinesi.
Marco von Euw, direttore del Metropole Hotel, albergo a quattro stelle che si trova alla fine del viale Höheweg, pone attenzione alle esigenze dei suoi clienti, afferma:
«Quelli provenienti dai paesi del Golfo rappresentano il 20% delle mie entrate. Il mio ristorante offre un menu di Halal e ha tappeti per la preghiera a portata di mano. I nostri clienti che li usano sono gli unici che li notano. Tutto questo a qualcuno non piace, poco tempo fa mi hanno mandato fax anonimi chiamandomi “islamista”.
Il turismo per me è tutto sull’adattamento, ci si sente più accolti se si è capiti. Un’attenzione alle abitudini è rivolta anche ai visitatori cinesi e indiani».
Tuttavia, ci sono anche dubbi economici. Certo, gli orologiai e i proprietari di hotel di lusso – a differenza di piccoli albergatori e proprietari di campeggi -, stanno ottenendo proficui vantaggi da questa ricca clientela, infatti, solo l’1% dei turisti arabi rimane in hotel a tre stelle o inferiore. Ora con il franco svizzero diventato più forte ci sono meno turisti provenienti dal resto d’Europa (tedeschi, inglesi e spagnoli).
Res Grossniklaus, 71 anni, proprietario di un hotel a tre stelle, come altri concittadini, confronta la strategia turistica dell’amministrazione di Interlaken con quei leader europei che ignorano le preoccupazioni dei diritti umani per concludere lucrative offerte commerciali con l’Arabia Saudita. Ha detto:
«Non ho niente contro gli arabi, ma non voglio rompere con i valori svizzeri, quando viaggio, accetto le regole del paese che vado a visitare. Mi aspetto che i turisti rispettino anche la mentalità svizzera. Vorrei accogliere le donne con il burqa, ma nella sala da pranzo, ogni nazionalità e ogni cultura sono uguali. Se queste donne vogliono andare sul lago, devono rispettare il fatto che altre donne stanno nuotando in topless».
Grossniklaus afferma che l’espansione del turismo arabo è un pendio scivoloso che può facilmente diventare politico, è stato l’unico cittadino a sostenere pubblicamente il divieto del velo completo per le strade di Interlaken. Gli svizzeri possono avere la possibilità di esprimere il loro parere su quest’argomento in un’iniziativa di referendum nei prossimi due anni. L’industria turistica di Interlaken è preoccupata per questo progetto. Urs Graf, sindaco della città ha detto:
«Non possiamo avere scambi commerciali con gli Emirati e rifiutare di accoglierli. La Svizzera è un paese libero. Non abbiamo il diritto di scegliere chi possa venire e come dovrebbe vestirsi».