La deformazione del ponte Morandi prima del crollo rivelata con la tecnica radar spaziale

La nuova tecnica radar spaziale, applicata a precedenti immagini satellitari del Ponte Morandi di Genova, ha rilevato deformazioni antecedenti il crollo. Nell’agosto 2018, una sezione del ponte ha ceduto catastroficamente, uccidendo 43 persone. Esaminando 15 anni d’immagini satellitari – in particolare i dati SAR (Synthetic Aperture Radar) dell’ultima generazione di satelliti europei – e analizzandoli con algoritmi personalizzati, è stato dimostrato che il ponte mostrava segni di deformazione nei mesi precedenti la tragedia.
La ricerca pubblicata in Remote Sensing, è il lavoro di scienziati e ingegneri dell’Università di Bath e dello Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA.

La tragedia del ponte di Morandi
La dottoressa Giorgia Giardina docente del Dipartimento di Architettura e Ingegneria Civile di Bath, ha detto:
«Lo stato del ponte è già stato riportato in precedenza, ma utilizzando le informazioni satellitari possiamo vedere per la prima volta la deformazione che ha preceduto il crollo. Abbiamo dimostrato che è possibile utilizzare questo strumento, in particolare la combinazione di diversi dati satellitari, con un modello matematico, per rilevare i primi segni di collasso o deformazione».

Rilevamento delle gallerie della ferrovia Crossrail dallo spazio
La dottoressa Giorgia Giardina sull’evoluzione della tecnica dell’utilizzo di un monitoraggio satellitare molto dettagliato, noto come “Interferometria radar ad apertura sintetica” (InSAR) ha spiegato come con i suoi colleghi l’ha utilizzata per monitorare le deformazioni del terreno causate dal tunnel Crossrail (è una linea ferroviaria rapida, della lunghezza di 136 chilometri, servirà Londra e le contee del Berkshire, Buckinghamshire e dell’Essex).
Gli attuali metodi di monitoraggio strutturale mentre utilizzano punti specifici per rilevare movimenti e deformazioni, InSAR controlla essenzialmente l’intera struttura quasi in tempo reale tramite dati satellitari.
La dottoressa Giorgia Giardina ha detto:
«Nelle fasi del progetto Crossrail, diverse società commerciali hanno fornito il monitoraggio satellitare, confrontandolo con i dati terrestri per dimostrare l’alta qualità delle misurazioni satellitari. Spesso durante i lavori sotterranei, sono rilevati molti dati a livello del suolo, mentre sono disponibili meno misure d’infrastrutture. La nostra tecnica potrebbe fornire un ulteriore livello d’informazioni e confermare come tutto stia procedendo regolarmente».
Il dottor Pietro Milillo dello Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA, responsabile della ricerca, ha detto:
«Il metodo potrebbe ora essere utilizzato per monitorare ponti e altre infrastrutture, prevenendo potenzialmente incidenti futuri come il crollo del ponte Morandi. Si tratta di sviluppare una nuova tecnica che può aiutare a caratterizzare la salute dei ponti e di altre infrastrutture, non potevamo prevedere questo particolare collasso perché le tecniche di valutazione standard disponibili all’epoca non erano in grado di rilevare ciò che possiamo vedere ora.
Andando avanti, questa tecnica, combinata con le tecniche già in uso, ha il potenziale per fare molto bene».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →