La Cina impone il divieto di utilizzare le spogliarelliste per allietare i funerali

In Cina, la famiglia e gli amici del defunto da oggi possono fare a meno delle spogliarelliste, una particolare forma d’intrattenimento funebre. Il governo cinese secondo una dichiarazione del Ministero della Cultura prevede di lavorare a stretto contatto con la polizia per eliminare tali spettacoli, organizzati con l’obiettivo di attirare più persone al lutto.
Il mese scorso la foto di un funerale nella città di Handan nella provincia settentrionale di Hebei con una ballerina vista pubblicamente rimuovere il suo reggiseno è stata ampiamente diffusa sulla rete scatenando furiose proteste (vedi immagine).
Il Ministero della Cultura in una dichiarazione ha citato gli spettacoli “osceni” nella provincia cinese orientale di Jiangsu, così come a Handan, ha promesso di reprimere tali ultimi riti lascivi.
Il Ministero su quanto avvenuto a Handan all’inizio di quest’anno, in una nota ha detto:
«Un rapporto degli investigatori spediti sul posto ha confermato che al funerale di un anziano residente, sei ballerine si erano esibite in una danza erotica. Lo spettacolo ha violato le norme di pubblica sicurezza, il responsabile del gruppo di ballerine è stato trattenuto in detenzione amministrativa per 15 giorni con una multa di 11.300 dollari. Il governo ha condannato tali prestazioni atte a corrompere l’ambiente sociale».
Il governo cinese da qualche tempo ha iniziato a combattere ciò che considera una piaga del paese, lo spettacolo delle spogliarelliste che si esibiscono ai funerali. China Central Television (CCTV) la rete ammiraglia in Cina, nel 2006 all’interno di “Jiaodian Fangtan”, un programma di notizie e approfondimenti di tematiche sociali, è stata la prima a mandare in onda un servizio incentrato sulle spogliarelliste che avevano fatto la loro apparizione a cerimonie commemorative in Donghai nella provincia di Jiangsu della Cina orientale.
E’ emerso dal servizio che il fine di invitare le spogliarelliste (alcune si erano esibite con i serpenti), è quello di attrarre grandi folle al funerale del defunto, ritenuto come un presagio di buona fortuna nella sua vita ultraterrena: “Lo spettacolo è un incentivo per attirare la folla” – ha spiegato un abitante del villaggio – “Altrimenti nessuno sarebbe venuto”.
Il canale televisivo CCTV ha scoperto che una dozzina di compagnie teatrali funebri che offrono tali servizi in ogni villaggio della contea, in media 20 spettacoli il mese, permette un guadagno di 322 dollari per ogni esibizione. Ha commentato severamente queste esibizioni di gruppi interessati solo a fare soldi, non si preoccupano se è legale o no, non rispettano i costumi locali».
La terraferma non è l’unica nella preferenza per l’esibizione di ballerine alle cerimonie funebri, come documentato nel 2012 dal National Geographic (vedi video), spettacoli simili sono popolari anche nell’isola di Taiwan – dove donne in abiti succinti volteggiano sugli stiletti mentre danzano davanti alle tombe. La pratica risale a molti anni fa.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento