Il nuovo telescopio LSST scansionerà i cieli per intercettare gli asteroidi in rotta di collisione con la Terra

Michael B. Lund ricercatore del Dipartimento di fisica e astronomia, della Vanderbilt University ha scritto:
«Intorno all’alba del 15 febbraio 2013, un oggetto molto luminoso e ultraterreno è stato visto attraversare i cieli sulla Russia prima che esplodesse a circa 97.000 metri sopra la superficie terrestre. Il conseguente scoppio a Chelyabinsk e nelle zone circostanti, ha danneggiato migliaia di edifici e ferito 1.500 persone.
L’avvenimento così descritto può sembrare la prima scena di un film di fantascienza, ma questo invasore non era un’astronave aliena che attaccava l’umanità, ma un asteroide largo 20 metri che si è schiantato contro la Terra. Ciò che è preoccupante è che nessuno aveva idea della sua esistenza fino a quando quella mattina è entrato nell’atmosfera della Terra.
Come astronomo studio oggetti che nel cielo cambiano luminosità in tempi brevi, osservazioni che uso per rilevare pianeti intorno ad altre stelle. Gran parte della mia ricerca è capire come possiamo progettare e far funzionare meglio i telescopi per monitorare un cielo in continua evoluzione. E’ importante perché gli stessi telescopi che sto usando per esplorare altri sistemi stellari sono stati progettati per aiutare i miei colleghi a scoprire oggetti nel nostro sistema solare, come gli asteroidi in rotta di collisione con la Terra.

Oggetti vicini alla Terra
Una meteora è qualsiasi frammento di materia che entra nell’atmosfera terrestre. La meteora di Chelyabinsk prima che incontrasse la sua morte sulla Terra, come un asteroide stava orbitando il nostro Sole. Normalmente si pensa che questi oggetti rocciosi siano circoscritti intorno alla cintura di asteroidi tra Marte e Giove. Tuttavia, ci sono molti asteroidi in tutto il sistema solare, alcuni, come la meteora di Chelyabinsk, conosciuti come oggetti vicino alla Terra (NEO). La meteora di Chelyabinsk probabilmente proveniva da un gruppo di NEO chiamati asteroidi Apollo, dal nome dell’asteroide 1862 Apollo.
Ci sono più di 1.600 asteroidi Apollo conosciuti e registrati nel JPL Small-Body (SBDB). E’ un database di astronomia su piccoli corpi del sistema solare. E’ gestito da Jet Propulsion Laboratory (JPL) e dalla NASA, fornisce dati per tutti gli asteroidi noti e diverse comete, compresi i parametri orbitali e diagrammi, diagrammi fisici ed elenchi di pubblicazioni concernenti il piccolo corpo. Il database è aggiornato su base giornaliera.
I piccoli corpi JPL hanno orbite che possono incrociare il percorso della Terra, sono abbastanza grandi (oltre 140 metri) da essere considerati asteroidi potenzialmente pericolosi (PHA) perché una collisione con la Terra distruggerebbe la regione colpita.
Le cicatrici di queste passate collisioni sono prominenti sulla Luna, anche la Terra porta i segni di tali impatti. Il cratere di Chicxulub, nella penisola dello Yucatan, è stato creato dall’asteroide di Chicxulub, ha portato i dinosauri all’estinzione. Il cratere di Barringer, in Arizona, ha solo 50.000 anni. La domanda è: quando un asteroide pericolosamente grande si scontrerà con la Terra?

Ricerca delle minacce
Il governo degli Stati Uniti sta prendendo sul serio la minaccia di una collisione con un asteroide. Il Congresso nella sezione 321 del NASA Authorization Act del 2005, ha richiesto alla NASA di sviluppare un programma per la ricerca di oggetti vicino alla Terra (NEO), il compito è di identificare il 90 per cento di tutti i NEO di diametro superiore a 140 metri. Attualmente, si stima che tre quarti dei 25.000 asteroidi potenzialmente pericolosi (PHA) ancora non sia stato trovato.
Il team internazionale di centinaia di scienziati, me compreso, per raggiungere quest’obiettivo, in Cile sta completando la costruzione del grande telescopio per indagini sinottiche (LSST), sarà uno strumento essenziale per segnalarci gli asteroidi potenzialmente pericolosi (PHA).
Il rilevante finanziamento da parte dell’U.S. National Science Foundation, permetterà al grande telescopio LSST di cercare gli asteroidi potenzialmente pericolosi (PHA): durante i suoi 10 anni di missione osserverà la stessa area di cielo a intervalli di un’ora alla ricerca di oggetti che hanno cambiato posizione. Tutto ciò che si muove in un’ora, si trova all’interno del nostro sistema solare.
Le simulazioni prodotte dai ricercatori dell’Università di Washington e JPL dimostrano che il grande telescopio LSST da solo sarà in grado di trovare circa il 65 per cento di asteroidi potenzialmente pericolosi (PHA). Se associamo i dati LSST con altre indagini astronomiche come quelle del Pan-STARRS e Catalina Sky Survey, pensiamo di poter contribuire a raggiungere l’obiettivo di scoprire il 90 per cento degli asteroidi potenzialmente pericolosi.
La Terra e questi asteroidi su percorsi diversi orbitano intorno al Sole. Più osservazioni sono fatte su un dato asteroide, più precisa sarà la sua orbita mappata e prevista. La priorità principale, quindi, è trovare in tempo utile gli asteroidi che in futuro potrebbero entrare in collisione con la Terra: non avremo molte opzioni se un asteroide in rotta di collisione sarà individuato pochi giorni o qualche ora prima dell’impatto. E’ come trovarsi improvvisamente davanti a un’auto, c’è poco da fare. Se, tuttavia, troviamo questi asteroidi diversi anni o decenni prima di una potenziale collisione, allora potremmo essere in grado di utilizzare navicelle spaziali per urtare l’asteroide abbastanza da cambiare il suo percorso in modo da evitare l’impatto con la Terra. E’ più facile dirlo che farlo, al momento, nessuno sa veramente fornire il modo migliore per reindirizzare un asteroide. La NASA e l’Agenzia spaziale europea a tal fine hanno presentato diverse proposte di missioni, finora non hanno superato le prime fasi di sviluppo della missione.
La Fondazione B612, un gruppo privato senza scopo di lucro, sta cercando di raccogliere fondi per una missione di reindirizzamento di un asteroide, potrebbe essere il primo a tentare questa soluzione se i programmi spaziali del governo non lo faranno. Spingere un asteroide può sembrare una cosa strana da fare, ma un giorno quando un grande asteroide sarà in rotta di collisione con la Terra, questa potrebbe essere la conoscenza che salverà l’umanità».

, ,
Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento