E’ così che il nostro cervello cambia con l’età

Invecchiando
Invecchiamo tutti. E’ una parte inevitabile della vita, porta con sé, avventura, esperienza, difficoltà, opportunità di apprendimento e molto altro ancora. Inoltre, come spiegato in un nuovo studio pubblicato su Human Brain Mapping, include una maggiore comunicazione tra le regioni del cervello, questo cambiamento avviene per compensare le parti dell’invecchiamento che non sono così positive.
Nello specifico, invecchiando, nel cervello c’è una quantità crescente di comunicazione bilaterale: significa che le due metà del nostro cervello comunicano maggiormente tra loro mentre invecchiamo. Ora, questa non è una nuova informazione, ma questo studio è entrato in un territorio in precedenza inesplorato nella nostra comprensione di questo fenomeno. Il team di ricercatori utilizzando una tecnica di stimolazione cerebrale nota come stimolazione magnetica transcranica (TMS), ha compiuto un primo passo manipolando direttamente questa comunicazione. La tecnica ha permesso loro di capire meglio se il processo è un adattamento positivo o negativo. E’ stato eseguito mentre soggetti adulti hanno intrapreso attività legate alla memoria, fornendo al team di ricerca pratiche informazioni su come il loro cervello ha risposto.

Età del cervello
Simon Davis, neuroscienziato presso il Dipartimento di Neurologia di Duke University, autore principale dello studio, ha detto:
«Questo studio fornisce un test esplicito di alcune idee controverse su come il cervello si riorganizza mentre invecchiamo. I risultati suggeriscono che il cervello invecchiando mantiene una sana funzione cognitiva aumentando la comunicazione bilaterale. La comunicazione aumenta “secondo necessità”, dipende da come il nostro cervello si trasforma nel tempo».

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento