Florence misura 4,4 km è il più grande asteroide osservato dalla Nasa, il primo settembre passerà a 7 milioni di km dalla Terra

Negli ultimi tempi, molto interesse è cresciuto attorno agli asteroidi la cui orbita interseca quella della Terra, nel corso dei secoli, potrebbero scontrarsi con essa. La quasi totalità degli asteroidi vicini alla Terra sono classificati, secondo il semiasse maggiore della loro orbita e della distanza da Sole del loro perielio, come asteroidi Amor, asteroidi Apollo o asteroidi Aten.
Il prossimo mese di settembre è previsto un incontro ravvicinato con un asteroide che ha una dimensione di 4,4 km, è il più grande a passare vicino alla Terra da quando la Nasa quasi 20 anni fa ha iniziato a seguire gli asteroidi.
La Nasa nel 1988 ha iniziato a tenere traccia di oggetti potenzialmente pericolosi, da allora, sono stati individuati oltre 16.000 NEO (in inglese near-Earth object abbreviato NEO, è un oggetto del Sistema Solare la cui orbita può intersecare quella della Terra), anche se nessuno ha un percorso di collisione con la Terra, è meglio prepararsi: era il 15 febbraio 2013 quando un meteoroide di circa 15 metri di diametro entrava nell’atmosfera frantumandosi parzialmente alcune decine di km sopra la città di Chelyabinsk, in Russia.
La Nasa ha programmato il primo esperimento volto a dimostrare la possibilità di deviare la traiettoria di un asteroide colpendolo con un “proiettile”, per evitare potenziali collisioni con la Terra.
Tutti i corpi celesti sono potenzialmente pericolosi, non solo i più grandi devono essere tenuti d’occhio, qualsiasi oggetto più grande di 1 km potrebbe scatenare caos esteso a livello planetario.
Il recente aggiornamento della Nasa ha evidenziato che ci sono oltre 880 di questi mostri, l’asteroide Florence ha una dimensione di 4,4 km è uno dei più grandi, il suo impatto sulla Terra potrebbe creare una minaccia alla stessa sopravvivenza dell’umanità. Fortunatamente, anche se questo è il suo passaggio più vicino, non colpirà la Terra (Florence il primo settembre passerà a una distanza di 7 milioni di km, circa 18 volte la distanza tra la Terra e la Luna), la Nasa assicura che per i prossimi 500 anni non c’è nessuna possibilità di collisione con Florence.
Paul Chodas responsabile del Centro Nasa per lo studio di oggetti vicini (CNEOS), ha detto:
«L’asteroide Florence a differenza di tutti gli asteroidi noti che sono passati vicino alla Terra è il più grande asteroide tra quelli individuati e seguiti da quando ha avuto inizio il programma della Nasa”.
L’asteroide Florence sarà visibile anche con piccoli telescopi per poche notti dalla fine d’agosto all’inizio di settembre. Gli astronomi stanno progettando di utilizzare l’opportunità di osservare più attentamente l’asteroide. Il radar Solarstone Solar System in California e l’Observatory Arecibo di Puerto Rico saranno entrambi utilizzati per catturare immagini radar di Florence per ottenere una lettura più accurata delle dimensioni e dei dettagli della superficie, fino a una scala di circa 10 m.
Il prossimo 12 ottobre 2017 l’asteroide 2012 TC4 (diametro stimato fra i 15 e i 30 metri) transiterà a 44mila km sopra le nostre teste, fornirà agli scienziati l’opportunità di studiare orbita e composizione. Non rappresenta in alcun modo un pericolo, anzi, sarà l’occasione per un’esercitazione fra tutte le istituzioni che lavorano per la difesa planetaria.

Pino Silvestri

About Pino Silvestri

Pino Silvestri, blogger per diletto, fondatore, autore di Virtualblognews, presente su Facebook e Twitter.
View all posts by Pino Silvestri →

Lascia un commento